Partendo   da   Abramo,   di   generazione   in   generazione,   è   stato   deviato   il   concetto   principale   del   nostro   dovere   primario, abbiamo   voluto   imporre   pian   piano   le   nostre   condizioni,   il   nostro   "io".   Perché   è   più   comodo   vivere   così.   Quante   volte   Dio ha   rimproverato   il   suo   popolo?   Invece   di   temerlo   e   camminare   nelle   sue   vie,   andiamo   allegramente   a   sfidarlo   perché vogliamo   da   lui   una   risposta   diversa,   non   accettiamo   le   prove   e   le   tribolazioni   che   da   sempre   ha   destinato   al   suo   popolo prediletto   prima   di   concedere   privilegi   meravigliosi.   Anche   oggi,   che   si   è   raggiunta   la   massima   libertà   dell'essere   umano, siamo   schiavi   del   nostro   sistema.   Il   Signore   ci   vuole   liberi,   non   vuole   penalizzarci   o   toglierci   certe   soddisfazioni,   se offriamo   quello   che   ci   chiede   vivremo   meglio   noi.   D ovremmo   ripartire   dai   discorsi   di   Gesù   sulla   montagna    e cancellare   le   troppe   informazioni   e   rivelazioni   che   abbiamo   conosciuto.   Nessun   santo   ha   vissuto   un'epoca   così   difficile come   la   nostra,   c'è   bisogno   di   tornare   alle   origini,   avendo   come   unica   base   il   Vangelo.   Perché   vogliamo   rivelare   filosofie impregnate   dalla   nostra   condizione   psicologica?   Il   mondo   sta   andando   male   perché   pochi   dicono   la   verità.   E   la   Madonna, rassegnata,   arriva   a   dire   che   per   i   più   non   c’è   speranza.    Dobbiamo   dispiacerci,   nonostante   le   sue   apparizioni   è   stata presa   in   giro   e   offesa.   Una   volta   era   naturale   rispettarsi   di   più,   oggi   c'è   troppa   cattiveria   nell'uomo,   basta   un   niente   per innescare   contrasti   terribili,   anche   le   persone   più   tranquille   perdono   il   loro   equilibrio   perché   vessate.   Allegramente   e   su un   sentiero   lastricato   di   buone   intenzioni,   stiamo   andando   alla   perdizione   e   alla   dannazione   eterna.   Il   vero   cristiano   non si   scandalizza   se   vede   una   persona   nuda   o   va   nel   posto   più   peccaminoso   perché   ha   la   bontà   e   la   naturalezza   del pensiero.   Sono   gli   altri   che   quando   lo   incontrano   hanno   una   repulsione   e   una   nausea   della   loro   schifosità,   che   vanno   a buttarsi   nel   mare   come   quei   maiali   davanti   a   Gesù.   L’uomo   di   Galilea   non   si   nascondeva   dietro   gli   angoli,   dobbiamo avere   Dio   nel   cuore,   senza   spaventarci   o   tenere   distanti   gli   altri,   altrimenti   abbiamo   la   malizia   del   perverso. Come   cristiani   disprezziamo   ciò   che   Dio   ci   ha   dato   quando   diciamo   che   non   è   possibile   rispettare   la   sua   legge.   Vogliamo proporre   la   nostra   fatta   di   mezze   misure?   La   verità   ci   fa   liberi,   ci   fa   capire   che   nessuna   situazione   del   mondo   ci sconfigge,   neanche   la   più   dura.   Hanno   trovato   reperti   di   15.000   anni   fa,   ma   non   hanno   trovato   un   resto   dei   corpi   di   Gesù e   Maria.   Allora   è   vero   che   sono   saliti   in   cielo.   Parliamo   di   una   sapienza   divina,   misteriosa,   che   è   rimasta   nascosta   (1Cor 2,7),   ce   l’ha   detto   il   Signore   che   ci   prova   nella   fede.   Dobbiamo   credere   anche   dove   la   nostra   mente   osa   dubitare   e   fare un percorso di accettazione dell'inaccettabile che va contro il nostro orgoglio, perché è meglio per noi. L’EFFICACIA DEL SILENZIO Quando   mai   si   è   saputo   come   pregavano   Gesù   o   gli   apostoli   nel   tempio?   Principalmente   lo   facevano   nel   silenzio.   Perché pensiamo   che   la   nostra   preghiera   orale   abbia   dei   meriti   particolari?   Se   non   abbiamo   la   purezza,   ci   presentiamo   impuri davanti   al   Signore.   Ce   la   vediamo   Maria   Santissima   una   chiacchierona,   come   facciamo   noi   qualche   volta   anche   nei   gruppi di   preghiera?   Basiamo   tutto   su   fiumi   di   parole   come   se   volessimo   autoconvincerci   e   ci   improvvisiamo   carismatici,   quando nemmeno   gli   apostoli   si   sentivano   tali.   Non   dobbiamo   avere   fretta   di   rivelare   le   nostre   emozioni,   spesso   sostenute   da allegrezza,   perché   quando   ci   fanno   arrabbiare   reagiamo   da   uomini…   Gli   occhi   della   Madonna   ci   fanno   capire   che   il silenzio    ha    una    profondità    immensa,    riversano    su    di    noi    l'amore    che    poi    dobbiamo    riversare    sul    primo    che incontriamo,   principalmente   su   quelli   che   vivono   con   noi.   Perché   si   pensa   che   il   silenzio   non   sia   preghiera?   È   una dimostrazione   di   efficacia,   i   due   spiriti   si   parlano   anche   se   pensiamo   di   non   aver   sentito   niente.   Il   Signore   ha   sempre parlato   nel   silenzio   ai   suoi   servi.   Essi   sanno   che   le   parole   non   servono   a   niente,   anche   se   occorre   parlare   al   momento giusto   e   senza   dilungarsi   troppo.   Togliamoci   dalle   abitudini   rumorose   che   sono   stancanti,   i l   silenzio   davanti   al   Signore dà   energia,   luce,   parla   alla   nostra   coscienza.   Non   viene   a   dirci   che   dobbiamo   andare   a   guarire   e   a   far   miracoli, come   taluni   pensano.   La   luce   viene   da   Dio   non   dalla   nostra   cecità,   siamo   sicuri   di   aver   sempre   dato   delle   giuste indicazioni?   Beato   chi   avrà   custodito   le   parole   profetiche   di   questo   libro:   adoriamo   Dio   o   le   nostre   ispirazioni   spirituali? Fuori   i   cani,   i   fattucchieri,   gli   immorali,   gli   omicidi,   gli   idolatri   e   chiunque   ama   e   pratica   la   menzogna,    sono   le   parole   di Gesù   nell'Apocalisse,   che   termina   ammonendo   coloro   che   aggiungono   o   tolgono   anche   solo   una   parola   dalla   Bibbia.   Ecco cosa   succede   quando   ci   proponiamo,   perché   nessuno   parla   come   si   conviene.   Ogni   volta   che   non   diamo   un   buon consiglio   e   peggioriamo   la   situazione   di   una   persona,   ne   dovremo   rendere   conto.   A   chi   si   trova   in   una   situazione   difficile dobbiamo   dire   se   rispetta   ancora   i   comandamenti   e   se   vive   della   parola   di   Dio,   non   riempirlo   di   preghiere   da   recitare, altrimenti   annulliamo   l’individuo   della   vera   fede.   Semmai   possiamo   consigliare   di   chiedere   al   Signore   il   desiderio   di   non peccare più.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La verità ci fa liberi
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Monte Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
    Partendo      da      Abramo,      di      generazione      in generazione,   è   statodeviato   il   concetto   principale del    nostro    dovere    primario,    abbiamo    voluto imporre   pian   piano   le   nostre   condizioni,   il   nostro "io".   Perché   è   più   comodo   vivere   così.   Quante volte   Dio   ha   rimproverato   il   suo   popolo?   Invece di   temerlo   e   camminare   nelle   sue   vie,   andiamo allegramente   a   sfidarlo   perché   vogliamo   da   lui una   risposta   diversa,   non   accettiamo   le   prove   e le   tribolazioni   che   da   sempre   ha   destinato   al   suo popolo    prediletto    prima    di    concedere    privilegi meravigliosi.   Anche   oggi,   che   si   è   raggiunta   la massima   libertà   dell'essere   umano,   siamo   schiavi del   nostro   sistema.   Il   Signore   ci   vuole   liberi,   non vuole   penalizzarci   o   toglierci   certe   soddisfazioni, se   offriamo   quello   che   ci   chiede   vivremo   meglio noi.   Dovremmo   ripartire   dai   discorsi   di   Gesù sulla      montagna      e     cancellare     le     troppe informazioni       e       rivelazioni       che       abbiamo conosciuto.    Nessun    santo    ha    vissuto    un'epoca così    difficile    come    la    nostra,    c'è    bisogno    di tornare   alle   origini,   avendo   come   unica   base   il Vangelo.     Perché     vogliamo     rivelare     filosofie impregnate   dalla   nostra   condizione   psicologica? Il   mondo   sta   andando   male   perché   pochi   dicono la   verità.   E   la   Madonna,   rassegnata,   arriva   a   dire che    per    i    più    non    c’è    speranza.     Dobbiamo dispiacerci,   nonostante   le   sue   apparizioni   è   stata presa   in   giro   e   offesa.   Una   volta   era   naturale rispettarsi    di    più,    oggi    c'è    troppa    cattiveria nell'uomo,     basta     un     niente     per     innescare contrasti   terribili,   anche   le   persone   più   tranquille perdono     il     loro     equilibrio     perché     vessate. Allegramente   e   su   un   sentiero   lastricato   di   buone intenzioni,   stiamo   andando   alla   perdizione   e   alla dannazione    eterna.    Il    vero    cristiano    non    si scandalizza   se   vede   una   persona   nuda   o   va   nel posto   più   peccaminoso   perché   ha   la   bontà   e   la naturalezza    del    pensiero.    Sono    gli    altri    che quando    lo    incontrano    hanno    una    repulsione    e una   nausea   della   loro   schifosità,   che   vanno   a buttarsi   nel   mare   come   quei   maiali   davanti   a Gesù.   L’uomo   di   Galilea   non   si   nascondeva   dietro gli    angoli,    dobbiamo    avere    Dio    nel    cuore, senza   spaventarci   o   tenere   distanti   gli   altri, altrimenti   abbiamo   la   malizia   del   perverso. Come   cristiani   disprezziamo   ciò   che   Dio   ci   ha dato     quando     diciamo     che     non     è     possibile rispettare    la    sua    legge.    Vogliamo    proporre    la nostra    fatta    di    mezze    misure?    La    verità    ci    fa liberi,    ci    fa    capire    che    nessuna    situazione    del mondo   ci   sconfigge,   neanche   la   più   dura.   Hanno trovato   reperti   di   15.000   anni   fa,   ma   non   hanno trovato   un   resto   dei   corpi   di   Gesù   e   Maria.   Allora è   vero   che   sono   saliti   in   cielo.   Parliamo   di   una sapienza     divina,     misteriosa,     che     è     rimasta nascosta   (1Cor   2,7),   ce   l’ha   detto   il   Signore   che ci    prova    nella    fede.    Dobbiamo    credere    anche dove   la   nostra   mente   osa   dubitare   e   fare   un percorso   di   accettazione   dell'inaccettabile   che   va contro   il   nostro   orgoglio,   perché   è   meglio   per noi. L’EFFICACIA DEL SILENZIO Quando   mai   si   è   saputo   come   pregavano   Gesù   o gli     apostoli     nel     tempio?     Principalmente     lo facevano   nel   silenzio.   Perché   pensiamo   che   la nostra      preghiera      orale      abbia      dei      meriti particolari?    Se    non    abbiamo    la    purezza,    ci presentiamo    impuri    davanti    al    Signore.    Ce    la vediamo    Maria    Santissima    una    chiacchierona, come    facciamo    noi    qualche    volta    anche    nei gruppi   di   preghiera?   Basiamo   tutto   su   fiumi   di parole   come   se   volessimo   autoconvincerci   e   ci improvvisiamo   carismatici,   quando   nemmeno   gli apostoli   si   sentivano   tali.   Non   dobbiamo   avere fretta    di    rivelare    le    nostre    emozioni,    spesso sostenute   da   allegrezza,   perché   quando   ci   fanno arrabbiare   reagiamo   da   uomini…   Gli   occhi   della Madonna   ci   fanno   capire   che   il   silenzio   ha   una profondità     immensa,     riversano     su     di     noi l'amore   che   poi   dobbiamo   riversare   sul   primo   che incontriamo,   principalmente   su   quelli   che   vivono con   noi.   Perché   si   pensa   che   il   silenzio   non   sia preghiera?   È   una   dimostrazione   di   efficacia,   i   due spiriti   si   parlano   anche   se   pensiamo   di   non   aver sentito   niente.   Il   Signore   ha   sempre   parlato   nel silenzio   ai   suoi   servi.   Essi   sanno   che   le   parole non   servono   a   niente,   anche   se   occorre   parlare   al momento    giusto    e    senza    dilungarsi    troppo. Togliamoci    dalle    abitudini    rumorose    che    sono stancanti,    i l    silenzio    davanti    al    Signore    energia,   luce,   parla   alla   nostra   coscienza. Non   viene   a   dirci   che   dobbiamo   andare   a   guarire e   a   far   miracoli,   come   taluni   pensano.   La   luce viene   da   Dio   non   dalla   nostra   cecità,   siamo   sicuri di    aver    sempre    dato    delle    giuste    indicazioni? Beato   chi   avrà   custodito   le   parole   profetiche   di questo   libro:   adoriamo   Dio   o   le   nostre   ispirazioni spirituali?   Fuori   i   cani,   i   fattucchieri,   gli   immorali, gli   omicidi,   gli   idolatri   e   chiunque   ama   e   pratica la     menzogna,      sono     le     parole     di     Gesù nell'Apocalisse,   che   termina   ammonendo   coloro che   aggiungono   o   tolgono   anche   solo   una   parola dalla    Bibbia.    Ecco    cosa    succede    quando    ci proponiamo,    perché    nessuno    parla    come    si conviene.    Ogni    volta    che    non    diamo    un    buon consiglio    e    peggioriamo    la    situazione    di    una persona,    ne    dovremo    rendere    conto.    A    chi    si trova   in   una   situazione   difficile   dobbiamo   dire   se rispetta   ancora   i   comandamenti   e   se   vive   della parola    di    Dio,    non    riempirlo    di    preghiere    da recitare,    altrimenti    annulliamo    l’individuo    della vera    fede.    Semmai    possiamo    consigliare    di chiedere   al   Signore   il   desiderio   di   non   peccare più.   Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi sul monte Misma  

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                                                                                                                                                                             La verità ci fa liberi               
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile
Monte Misma -  Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono