Per   quale   mancanza   più   grave   davanti   agli   occhi   di   Dio   dobbiamo   chiedere   scusa?   Siamo   molto   in   difficoltà   a   rispondere a   questa   domanda   perché   il   fatto   di   pregare,   andare   in   chiesa   e   fare   della   carità   (o   dell’elemosina)   ci   fa   sentire   a   posto   e meritevoli   di   una   medaglia   spirituale.   Preghiamo   come   si   conviene   oppure   inconsapevolmente   dimostriamo   di   voler insegnare   al   Signore   come   deve   pregare?   Senza   rendercene   conto   la   nostra   preghiera   potrebbe   essere   ciò   che   ci   fa allontanare   dalla   parola   di   Dio.   Essa   non   può   essere   sostituita   da   nessun’altra   devozione.   Nessuna   parola   cattiva   esca più   dalla   vostra   bocca;   ma   piuttosto,   parole   buone   che   possano   servire   per   la   necessaria   edificazione,   giovando   a   quelli che   ascoltano.   E   non   vogliate   rattristare   lo   Spirito   Santo   di   Dio,   col   quale   foste   segnati   per   il   giorno   della   redenzione. Scompaia   da   voi   ogni   asprezza,   sdegno,   ira,   clamore   e   maldicenza   con   ogni   sorta   di   malignità.   Siate   invece   benevoli   gli uni   verso   gli   altri,   misericordiosi,   perdonandovi   a   vicenda   come   Dio   ha   perdonato   a   voi   in   Cristo”   (Ef.4,   29-32) .    Facendo la   preparazione   alla   santa   confessione   su   questa   breve   lettura   siamo   sicuri   di   non   essere   in   difficoltà   a   riconoscere   il nostro   lato   negativo?   Qui   scompare   il   quantitativo   di   preghiere,   il   Signore   ci   chiede   di   essere   obbedienti.   Invece   ci   si comporta   atrocemente,   si   presenta   il   biglietto   della   spesa   alla   Madonna   come   quando   si   va   dal   negoziante.   Presentiamo la   nostra   lista   di   raccomandazioni   e   crediamo   che   ci   esaudisca   soltanto   per   avergli   offerto   le   nostre   preghiere.   Qui   casca l’asino!   Possiamo   avere   il   suo   beneficio   solo   se   siamo   in   grazia   di   Dio .   Quanta   presunzione   davanti   a   Maria Santissima,   a   forza   di   presentare   le   nostre   preghiere   devozionali   abbiamo   decristianizzato   la   nostra   anima   perché   più nessuno   conosce   i   passaggi   della   parola   di   Dio.   Sarà   contenta?   Lei   conosce   se   l’anima   che   ha   davanti   è   meritevole,   noi   ci illudiamo   di   esserlo.   Così   sprechiamo   le   potenzialità   che   Dio   ci   ha   dato   perché   ognuno   prega   a   modo   suo,   non   come   si conviene   e   con   un   cuore   buono.   Se   pregassimo   sulla   parola   di   Dio   non   ce   la   sentiremmo   di   dare   alla   Madonna   il   biglietto della   spesa,   perché   il   salmo,   la   preghiera   per   eccellenza,   ci   invita   a   lodare   e   ringraziare   il   Signore.   Chi   è   Dio   per   noi?   O Dio,   tu   sei   il   mio   Dio,   all'aurora   ti   cerco,   di   te   ha   sete   l'anima   mia,   a   te   anela   la   mia   carne,   come   terra   deserta,   arida, senz'acqua.   Così   nel   santuario   ti   ho   cercato,   per   contemplare   la   tua   potenza   e   la   tua   gloria.   Poiché   la   tua   grazia   vale   più della   vita,   le   mie   labbra   diranno   la   tua   lode.   Così   ti   benedirò   finché   io   viva,   nel   tuo   nome   alzerò   le   mie   mani.   Mi   sazierò come   a   lauto   convito,   e   con   voci   di   gioia   ti   loderà   la   mia   bocca.   Quando   nel   mio   giaciglio   di   te   mi   ricordo   e   penso   a   te nelle   veglie   notturne,   a   te   che   sei   stato   il   mio   aiuto,   esulto   di   gioia   all'ombra   delle   tue   ali .   A   te   si   stringe   l'anima   mia   e   la forza   della   tua   destra   mi   sostiene”   (salmo   63) .      La   vera   Evangelizzatrice   non   ci   farà   mai   mettere   in   secondo   piano   la parola   di   Dio,   anzi   desidera   che   abbiamo   a   recuperare   le   verità   rivelate,   ma   quante   persone   dopo   il   Rosario   non   sanno più   niente?   La   preghiera   più   bella   e   gradita   a   Maria   Santissima,   che   ci   porta   direttamente   a   lei   e   quindi   a   Gesù,   non   può essere   usata   per   rafforzare   la   nostra   devozione   ma   non   la   nostra   fede.   Nonostante   miliardi   di   preghiere   recitate   ogni giorno,   il   mondo   va   alla   deriva   perché   abbiamo   creato   delle   massime   che   non   esistono   e   non   sappiamo   più   amare.   La Madonna si è mostrata nell’amare non nelle abitudini di preghiera. LA MENTALITÀ ANTICRISTIANA A   noi   interessa   di   più   star   bene   in   questa   dimensione   e   tutto   quello   che   cerchiamo   per   il   nostro   miglioramento   fisico   e materiale   è   roba   artificiale,   non   darà   mai   il   gusto   delle   cose   naturali.   L'uomo   è   più   propenso   a   seguire   dove   sta   bene, non   dove   incontra   la   verità.   Dobbiamo   rendere   tutto   più   naturale,   perché   uno   più   critica   e   più   si   sente   bravo?   Anche   le persone   criticabili   possono   cambiare   la   storia   della   loro   vita.   Qual   è   il   lato   negativo   del   nostro   comportamento   che più   offende   Dio?    Non   sappiamo   neanche   dare   la   giusta   visione   ai   peccati.   Cosa   vuol   dire   peccare?   Non   essere   conformi ai   comandamenti   di   Dio.   Chiediamo   perdono   per   i   peccati   che   non   abbiamo   commesso   e   non   chiediamo   perdono   per quelli   che   commettiamo.   Se   esistesse   veramente   la   parola   di   Dio   nella   nostra   anima   e   nel   nostro   cuore,   non   faremmo certe   affermazioni.   Chi   ha   un   cuore   malato,   avido,   non   riesce   a   gestire   nemmeno   una   eredità,   deve   rivolgersi   a   un avvocato   o   a   un   commercialista.   Così   si   perde   la   fratellanza   e   il   rispetto.   Cosa   diranno   i   nostri   genitori?   Con   un   cuore puro   e   sano   basterebbe   un   minuto   per   gestire   un   lascito   tra   fratelli,   senza   ricorrere   a   persone   esterne,   poiché   Dio suggerisce   le   cose   da   fare.   Bisogna   avere   il   coraggio   di   essere   equi   e   di   usare   il   cuore,   cercando   di   assecondare   il   più possibile   i   desideri   di   ciascuno.   In   fin   dei   conti   quando   uno   ottiene   ciò   che   non   gli   spetta,   non   sarà   mai   una   persona felice.   L’ingiustizia   non   crea   gioia    perché   anche   se   uno   fa   finta   di   niente,   la   coscienza   è   terribile.   Abbiamo   mai provocato   alterchi   e   litigi   oppure   parlato   per   convenienza   nascondendo   la   verità?   Questo   è   un   peccato   di   omissione.   Qual è   elemento   che   impedisce   alla   Madonna   di   portarci   la   grazia   più   grande   invece   del   premio   di   consolazione?   Non   è   che   tutto    in    un    luogo    e    niente    in    altri,    la    Madre    di    Gesù    non    fa    queste    differenze.    È    inutile    farsi    una    cultura    sul comportamento   degli   altri   perché   ne   restiamo   contagiati   e   nemmeno   dobbiamo   sentire   livore   e   rabbia   per   il   loro   modo   di fare. Sono queste le trappole più pericolose.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La lista della spesa
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Monte Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Per   quale   mancanza   più   grave   davanti   agli   occhi di   Dio   dobbiamo   chiedere   scusa?   Siamo   molto   in difficoltà   a   rispondere   a   questa   domanda   perché il   fatto   di   pregare,   andare   in   chiesa   e   fare   della carità   (o   dell’elemosina)   ci   fa   sentire   a   posto   e meritevoli   di   una   medaglia   spirituale.   Preghiamo come    si    conviene    oppure    inconsapevolmente dimostriamo   di   voler   insegnare   al   Signore   come deve   pregare?   Senza   rendercene   conto   la   nostra preghiera     potrebbe     essere     ciò     che     ci     fa allontanare    dalla    parola    di    Dio.    Essa    non    può essere     sostituita     da     nessun’altra     devozione. Nessuna    parola    cattiva    esca    più    dalla    vostra bocca;   ma   piuttosto,   parole   buone   che   possano servire   per   la   necessaria   edificazione,   giovando   a quelli   che   ascoltano.   E   non   vogliate   rattristare   lo Spirito   Santo   di   Dio,   col   quale   foste   segnati   per   il giorno   della   redenzione.   Scompaia   da   voi   ogni asprezza,   sdegno,   ira,   clamore   e   maldicenza   con ogni   sorta   di   malignità.   Siate   invece   benevoli   gli uni   verso   gli   altri,   misericordiosi,   perdonandovi   a vicenda   come   Dio   ha   perdonato   a   voi   in   Cristo” (Ef.4,   29-32) .    Facendo   la   preparazione   alla   santa confessione   su   questa   breve   lettura   siamo   sicuri di   non   essere   in   difficoltà   a   riconoscere   il   nostro lato    negativo?    Qui    scompare    il    quantitativo    di preghiere,     il     Signore     ci     chiede     di     essere obbedienti.   Invece   ci   si   comporta   atrocemente,   si presenta    il    biglietto    della    spesa    alla    Madonna come   quando   si   va   dal   negoziante.   Presentiamo la   nostra   lista   di   raccomandazioni   e   crediamo   che ci   esaudisca   soltanto   per   avergli   offerto   le   nostre preghiere.   Qui   casca   l’asino!   Possiamo   avere   il suo   beneficio   solo   se   siamo   in   grazia   di   Dio . Quanta   presunzione   davanti   a   Maria   Santissima, a     forza     di     presentare     le     nostre     preghiere devozionali    abbiamo    decristianizzato    la    nostra anima   perché   più   nessuno   conosce   i   passaggi della   parola   di   Dio.   Sarà   contenta?   Lei   conosce se   l’anima   che   ha   davanti   è   meritevole,   noi   ci illudiamo     di     esserlo.     Così     sprechiamo     le potenzialità   che   Dio   ci   ha   dato   perché   ognuno prega   a   modo   suo,   non   come   si   conviene   e   con un   cuore   buono.   Se   pregassimo   sulla   parola   di Dio   non   ce   la   sentiremmo   di   dare   alla   Madonna   il biglietto     della     spesa,     perché     il     salmo,     la preghiera    per    eccellenza,    ci    invita    a    lodare    e ringraziare   il   Signore.   Chi   è   Dio   per   noi?   O   Dio, tu   sei   il   mio   Dio,   all'aurora   ti   cerco,   di   te   ha   sete l'anima   mia,   a   te   anela   la   mia   carne,   come   terra deserta,   arida,   senz'acqua.   Così   nel   santuario   ti ho   cercato,   per   contemplare   la   tua   potenza   e   la tua   gloria.   Poiché   la   tua   grazia   vale   più   della   vita, le   mie   labbra   diranno   la   tua   lode.   Così   ti   benedirò finché   io   viva,   nel   tuo   nome   alzerò   le   mie   mani. Mi   sazierò   come   a   lauto   convito,   e   con   voci   di gioia   ti   loderà   la   mia   bocca.   Quando   nel   mio giaciglio   di   te   mi   ricordo   e   penso   a   te   nelle   veglie notturne,   a   te   che   sei   stato   il   mio   aiuto,   esulto   di gioia    all'ombra    delle    tue    ali .    A    te    si    stringe l'anima    mia    e    la    forza    della    tua    destra    mi sostiene”   (salmo   63) .      La   vera   Evangelizzatrice non    ci    farà    mai    mettere    in    secondo    piano    la parola    di    Dio,    anzi    desidera    che    abbiamo    a recuperare   le   verità   rivelate,   ma   quante   persone dopo    il    Rosario    non    sanno    più    niente?    La preghiera   più   bella   e   gradita   a   Maria   Santissima, che   ci   porta   direttamente   a   lei   e   quindi   a   Gesù, non   può   essere   usata   per   rafforzare   la   nostra devozione   ma   non   la   nostra   fede.   Nonostante miliardi    di    preghiere    recitate    ogni    giorno,    il mondo    va    alla    deriva    perché    abbiamo    creato delle   massime   che   non   esistono   e   non   sappiamo più   amare.   La   Madonna   si   è   mostrata   nell’amare non nelle abitudini di preghiera. LA MENTALITÀ ANTICRISTIANA A    noi    interessa    di    più    star    bene    in    questa dimensione   e   tutto   quello   che   cerchiamo   per   il nostro   miglioramento   fisico   e   materiale   è   roba artificiale,    non    darà    mai    il    gusto    delle    cose naturali.   L'uomo   è   più   propenso   a   seguire   dove sta   bene,   non   dove   incontra   la   verità.   Dobbiamo rendere   tutto   più   naturale,   perché   uno   più   critica e   più   si   sente   bravo?   Anche   le   persone   criticabili possono   cambiare   la   storia   della   loro   vita.   Qual   è il   lato   negativo   del   nostro   comportamento che   più   offende   Dio?    Non   sappiamo   neanche dare   la   giusta   visione   ai   peccati.   Cosa   vuol   dire peccare?   Non   essere   conformi   ai   comandamenti di   Dio.   Chiediamo   perdono   per   i   peccati   che   non abbiamo    commesso    e    non    chiediamo    perdono per     quelli     che     commettiamo.     Se     esistesse veramente   la   parola   di   Dio   nella   nostra   anima   e nel      nostro      cuore,      non      faremmo      certe affermazioni.   Chi   ha   un   cuore   malato,   avido,   non riesce    a    gestire    nemmeno    una    eredità,    deve rivolgersi   a   un   avvocato   o   a   un   commercialista. Così   si   perde   la   fratellanza   e   il   rispetto.   Cosa diranno   i   nostri   genitori?   Con   un   cuore   puro   e sano   basterebbe   un   minuto   per   gestire   un   lascito tra   fratelli,   senza   ricorrere   a   persone   esterne, poiché   Dio   suggerisce   le   cose   da   fare.   Bisogna avere   il   coraggio   di   essere   equi   e   di   usare   il cuore,   cercando   di   assecondare   il   più   possibile   i desideri   di   ciascuno.   In   fin   dei   conti   quando   uno ottiene   ciò   che   non   gli   spetta,   non   sarà   mai   una persona    felice.    L’ingiustizia    non    crea    gioia   perché    anche    se    uno    fa    finta    di    niente,    la coscienza    è    terribile.    Abbiamo    mai    provocato alterchi   e   litigi   oppure   parlato   per   convenienza nascondendo   la   verità?   Questo   è   un   peccato   di omissione.   Qual   è   elemento   che   impedisce   alla Madonna   di   portarci   la   grazia   più   grande   invece del   premio   di   consolazione?   Non   è   che   dà   tutto   in un   luogo   e   niente   in   altri,   la   Madre   di   Gesù   non fa   queste   differenze.   È   inutile   farsi   una   cultura sul   comportamento   degli   altri   perché   ne   restiamo contagiati   e   nemmeno   dobbiamo   sentire   livore   e rabbia   per   il   loro   modo   di   fare.   Sono   queste   le trappole più pericolose.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                       La lista della spesa
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile
Monte Misma -  Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono