L'esperienza   dei   santi   non   è   basata   sulla   parola   o   su   una   linea   miracolistica,   ma   sull'obbedienza.   Parliamo   veramente come   si   conviene   in   nome   di   Dio?   Fino   a   che   punto   c'è   in   noi   l'autenticità   o   la   fantasia?   La   maggior   parte   delle informazioni   su   Internet   sono   depravanti   e   le   tante   attività   parrocchiali   hanno   deviato   i   preti   dalla   loro   vera   vocazione.   È importante   che   la   nostra   fede   non   sia   basata   solamente   sul   troppo   chiacchierare   ma   sulle   opere,   altrimenti   verremo racchiusi   in   un   marasma   generale   e   saremo   solamente   “carne   da   macello”.   Perché   tanta   fretta   di   far   conoscere   e   di essere   coinvolti   in   un   progetto   soprannaturale?   Così   dimentichiamo   di   amare   le   persone   che   ci   vivono   accanto.   Nel recitare   " O   Gesù   d'amore   acceso…"    pecchiamo   due   volte:   la   prima   quando   diciamo   "non   ti   voglio   offendere   più ",   la seconda   quando   arriviamo   a   dire   " ti   amo   sopra   ogni   cosa" .   Gesù   non   cerca   gloria   per   sé,   ma   lo   offendiamo   e   lo   amiamo nei   nostri   fratelli.   Quando   veniamo   insultati   o   gli   altri   non   fanno   quello   che   desideriamo   noi,   come   reagiamo?   Ci   sentiamo felici   e   beati   oppure   arrabbiati?   I   santi   gioivano   nella   sofferenza   e   non   si   lamentavano   perché   avevano   Dio   nel   cuore,   non mettevano   al   primo   posto   loro   stessi.   La   nostra   vita   cambia   quando   abbiamo   Dio   nel   cuore   non   nella   mente,   poiché quest'ultima   si   adatta   alle   situazioni,   ai   ragionamenti   e   alle   abitudini   del   mondo.   Dovremmo   avere   la   bontà   di   migliorarci e   di   accettare   anche   quella   parte   disumana   che   più   ci   ripugna,   cioè   ogni   sorta   di   ingiustizia,   altrimenti   ci autoeliminiamo   davanti   agli   occhi   del   Signore.   Invece   con   soddisfazione   ci   scandalizziamo   e   ci   uniamo   alle   critiche   degli altri,   annullando   quel   poco   di   bene   che   abbiamo   fatto.   La   preghiera   pur   importante   che   sia   non   conferma   le   nostre promesse,   usiamo   almeno   il   condizionale:   “vorrei   non   offenderti   più   e   amarti   di   più”.    Quello   che   la   Madonna   ha   portato in   una   apparizione   è   rimasto   indelebile:   amore,   carità,   condivisione,   accettare   le   ingiustizie.   Il   modo   migliore   di   parlare di   Dio   è   di   non   parlare,   ma   di   amare.   Dobbiamo   arrivare   alla   santità   senza   recitare   una   parte   di   altri   o   imbevuti   della   vita dei   santi,   ma   essendo   noi   stessi,   piacendo   agli   altri   così   come   siamo.   Liberiamo   il   “bambino”   che   è   in   noi   e conosciamoci   nell'amore   di   Dio   verso   i   fratelli,   liberi   dalle   catene   dell’orgoglio,   dell'arroganza   e   della   presunzione. Capiremo che c’è dentro di noi una persona diversa che non conosciamo perché siamo irritati dal nostro modo di vivere. L’ABIURA Non   siamo   convinti   che   Maria   Santissima   ci   sta   guidando   dal   monte   Misma   perché   siamo   pieni   dei   nostri   pensieri   e   delle nostre   verità   che   nessuno   può   intaccare.   Andiamo   a   messa   per   abitudine   e   senza   capire   che   cosa   avviene   quando   si rinnova   il   sacrificio   di   Cristo.   Dove   sta   scritto   che   il   nostro   compito   finisce   lì?   Possono   andare   a   messa   anche   coloro   che progettano   invidie,   malvagità,   maldicenza   e   ricevere   il   Signore   in   una   condizione   misera.   Tanti   ricevono   un'educazione rigida   su   come   comportarsi   in   pubblico,   sull’apparire,   sull’esteriorità,   ma   nulla   importa   dei   sentimenti   umani.   Questo   ha favorito   la   nascita   di   maniaci,   di   persone   aride   che   poi   finiscono   per   diventare   viziose,   perverse.   Lo   dicono   i   fatti   di cronaca.   Invece   nelle   famiglie   dove   si   vive   la   quotidianità   si   guarda   di   più   all'aspetto   interiore.   Quanti   cristiani   vogliono apparire,   ma   dentro   sono   marci?   I   nostri   figli   vengono   educati   dalla   società   che   impone   certe   abitudini   che   non   hanno niente   a   che   fare   con   la   vita   dell'anima.   Dio   invece   desidera   il   cuore,   che   ci   amiamo.   Piuttosto   di   dire   "prega",    è   meglio dire   " hai   rispettato   i   comandamenti?" .   Se   non   li   rispettiamo   non   possiamo   attenderci   grazie   dal   Signore   e   dalla   Madonna. La   verità   infastidisce   purtroppo   anche   tanti   sacerdoti.   Quando   diciamo   che   è   sufficiente   pregare,   abiuriamo, rinneghiamo   palesemente   quello   che   Gesù   ha   rivelato.   Stare   con   le   persone   che   dicono   male,   cioè   che   maledicono, ci   fa   prendere   una   vessazione   poco   positiva:   interrompiamole,   cambiamo   discorso,   diciamo   che   sentire   parlar   male   ci   fa male.   Così   non   pecchiamo   di   omissione   e   siamo   meno   indegni   di   ricevere   l'eucarestia.   Chi   giudica   pecca   atrocemente davanti   agli   occhi   di   Dio,   non   associamoci   a   seguire   l’onda   di   certi   discorsi.   Dobbiamo   sentire   una   necessità   urgente   di ritornare   a   Dio   conservando   la   fede   e   sentendoci   indegni.   La   preghiera   vocale   viene   in   un   secondo   tempo,   dopo   che   si   è preparato   il   terreno   fertile   con   un   vero   esame   di   coscienza.   Se   vogliamo   essere   i   migliori   sentiamoci   i   peggiori   così   non giudicheremo   e   davanti   ad   ogni   situazione   sentiamoci   di   amare,   senza   chiederci   il   perché.    Questo   ha   rivelato   il Signore.   Pregare   ha   dei   meriti   particolari,   ma   la   nostra   vita   ha   dei   demeriti   superiori   di   quelli   che   speriamo   nella preghiera.   Troppe   disgrazie   e   sofferenze   avvengono   perché   troppi   hanno   rinnegato   Dio.   Come   si   può   dire   "io   credo"    e   poi non   andare   in   Chiesa?   Ricordiamoci   del   Signore   in   casa   nostra   e   nelle   nostre   azioni.   Chi   di   noi   ammette   di   avere   torto? Se   lo   facciamo   anche   quando   abbiamo   ragione   per   evitare   che   un   discorso   degeneri,   è   una   grazia   ricevuta   davanti   al Signore,   non   è   un   atto   di   debolezza.   A   volte   è   meglio   tacere   perché   rischiamo   di   rompere   i   rapporti   umani,   ma   non dobbiamo aver paura di dire la verità nel rispetto dell’altra persona.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Anche pregando si può peccare
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Monte Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
    L'esperienza   dei   santi   non   è   basata   sulla   parola   o su   una   linea   miracolistica,   ma   sull'obbedienza. Parliamo   veramente   come   si   conviene   in   nome   di Dio?   Fino   a   che   punto   c'è   in   noi   l'autenticità   o   la fantasia?   La   maggior   parte   delle   informazioni   su Internet    sono    depravanti    e    le    tante    attività parrocchiali   hanno   deviato   i   preti   dalla   loro   vera vocazione.   È   importante   che   la   nostra   fede   non sia   basata   solamente   sul   troppo   chiacchierare   ma sulle   opere,   altrimenti   verremo   racchiusi   in   un marasma   generale   e   saremo   solamente   “carne da   macello”.   Perché   tanta   fretta   di   far   conoscere e      di      essere      coinvolti      in      un      progetto soprannaturale?   Così   dimentichiamo   di   amare   le persone   che   ci   vivono   accanto.   Nel   recitare   " O Gesù   d'amore   acceso…"    pecchiamo   due   volte:   la prima   quando   diciamo   "non   ti   voglio   offendere più ",   la   seconda   quando   arriviamo   a   dire   " ti   amo sopra   ogni   cosa" .   Gesù   non   cerca   gloria   per   sé, ma   lo   offendiamo   e   lo   amiamo   nei   nostri   fratelli. Quando   veniamo   insultati   o   gli   altri   non   fanno quello   che   desideriamo   noi,   come   reagiamo?   Ci sentiamo   felici   e   beati   oppure   arrabbiati?   I   santi gioivano   nella   sofferenza   e   non   si   lamentavano perché   avevano   Dio   nel   cuore,   non   mettevano   al primo   posto   loro   stessi.   La   nostra   vita   cambia quando   abbiamo   Dio   nel   cuore   non   nella   mente, poiché   quest'ultima   si   adatta   alle   situazioni,   ai ragionamenti     e     alle     abitudini     del     mondo. Dovremmo    avere    la    bontà    di    migliorarci    e    di accettare   anche   quella   parte   disumana   che più   ci   ripugna,   cioè   ogni   sorta   di   ingiustizia, altrimenti   ci   autoeliminiamo   davanti   agli   occhi   del Signore.       Invece       con       soddisfazione       ci scandalizziamo    e    ci    uniamo    alle    critiche    degli altri,   annullando   quel   poco   di   bene   che   abbiamo fatto.   La   preghiera   pur   importante   che   sia   non conferma   le   nostre   promesse,   usiamo   almeno   il condizionale:   “vorrei   non   offenderti   più   e   amarti di   più”.    Quello   che   la   Madonna   ha   portato   in   una apparizione   è   rimasto   indelebile:   amore,   carità, condivisione,    accettare    le    ingiustizie.    Il    modo migliore   di   parlare   di   Dio   è   di   non   parlare,   ma   di amare.    Dobbiamo    arrivare    alla    santità    senza recitare   una   parte   di   altri   o   imbevuti   della   vita dei   santi,   ma   essendo   noi   stessi,   piacendo   agli altri   così   come   siamo.   Liberiamo   il   “bambino” che   è   in   noi   e   conosciamoci   nell'amore   di   Dio verso   i   fratelli,   liberi   dalle   catene   dell’orgoglio, dell'arroganza   e   della   presunzione.   Capiremo   che c’è   dentro   di   noi   una   persona   diversa   che   non conosciamo   perché   siamo   irritati   dal   nostro   modo di vivere. L’ABIURA Non   siamo   convinti   che   Maria   Santissima   ci   sta guidando   dal   monte   Misma   perché   siamo   pieni dei    nostri    pensieri    e    delle    nostre    verità    che nessuno   può   intaccare.   Andiamo   a   messa   per abitudine    e    senza    capire    che    cosa    avviene quando   si   rinnova   il   sacrificio   di   Cristo.   Dove   sta scritto   che   il   nostro   compito   finisce   lì?   Possono andare    a    messa    anche    coloro    che    progettano invidie,     malvagità,     maldicenza     e     ricevere     il Signore   in   una   condizione   misera.   Tanti   ricevono un'educazione    rigida    su    come    comportarsi    in pubblico,   sull’apparire,   sull’esteriorità,   ma   nulla importa   dei   sentimenti   umani.   Questo   ha   favorito la   nascita   di   maniaci,   di   persone   aride   che   poi finiscono    per    diventare    viziose,    perverse.    Lo dicono   i   fatti   di   cronaca.   Invece   nelle   famiglie dove    si    vive    la    quotidianità    si    guarda    di    più all'aspetto    interiore.    Quanti    cristiani    vogliono apparire,   ma   dentro   sono   marci?   I   nostri   figli vengono   educati   dalla   società   che   impone   certe abitudini   che   non   hanno   niente   a   che   fare   con   la vita   dell'anima.   Dio   invece   desidera   il   cuore,   che ci   amiamo.   Piuttosto   di   dire   "prega",    è   meglio dire   " hai   rispettato   i   comandamenti?" .   Se   non   li rispettiamo   non   possiamo   attenderci   grazie   dal Signore   e   dalla   Madonna.   La   verità   infastidisce purtroppo     anche     tanti     sacerdoti.     Quando diciamo       che       è       sufficiente       pregare, abiuriamo,   rinneghiamo   palesemente   quello che   Gesù   ha   rivelato.   Stare   con   le   persone   che dicono   male,   cioè   che   maledicono,   ci   fa   prendere una   vessazione   poco   positiva:   interrompiamole, cambiamo   discorso,   diciamo   che   sentire   parlar male     ci     fa     male.     Così     non     pecchiamo     di omissione    e    siamo    meno    indegni    di    ricevere l'eucarestia.     Chi     giudica     pecca     atrocemente davanti    agli    occhi    di    Dio,    non    associamoci    a seguire   l’onda   di   certi   discorsi.   Dobbiamo   sentire una     necessità     urgente     di     ritornare     a     Dio conservando    la    fede    e    sentendoci    indegni.    La preghiera    vocale    viene    in    un    secondo    tempo, dopo   che   si   è   preparato   il   terreno   fertile   con   un vero   esame   di   coscienza.   Se   vogliamo   essere   i migliori      sentiamoci      i      peggiori      così      non giudicheremo     e     davanti     ad     ogni     situazione sentiamoci     di     amare,     senza     chiederci     il perché.    Questo   ha   rivelato   il   Signore.   Pregare ha   dei   meriti   particolari,   ma   la   nostra   vita   ha   dei demeriti   superiori   di   quelli   che   speriamo   nella preghiera.      Troppe      disgrazie      e      sofferenze avvengono   perché   troppi   hanno   rinnegato   Dio. Come   si   può   dire   "io   credo"    e   poi   non   andare   in Chiesa?   Ricordiamoci   del   Signore   in   casa   nostra   e nelle   nostre   azioni.   Chi   di   noi   ammette   di   avere torto?    Se    lo    facciamo    anche    quando    abbiamo ragione   per   evitare   che   un   discorso   degeneri,   è una   grazia   ricevuta   davanti   al   Signore,   non   è   un atto   di   debolezza.   A   volte   è   meglio   tacere   perché rischiamo   di   rompere   i   rapporti   umani,   ma   non dobbiamo   aver   paura   di   dire   la   verità   nel   rispetto dell’altra persona.       Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi sul monte Misma  

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                                                                                                                                                                                Anche pregando si può peccare               
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile
Monte Misma -  Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono