La   legge   naturale   che   Dio   ha   rivelato   ai   profeti   è   inestinguibile,   nessuno   la   può   distruggere.   Quante   persone   mettono   in dubbio   la   parola   di   Dio?   La   loro   fede   si   è   spenta   come   un   fuoco   di   paglia,   non   li   ha   accompagnati   nei   momenti   bui   della loro   vita.   Essa   non   penalizza   alcuni   e   favorisce   altri,   se   il   risultato   non   è   conforme   alle   aspettative   significa   che   non l’abbiamo   alimentata   nel   modo   giusto,   ma   abbiamo   fatto   la   vita   che   volevamo.   La   fede   aumenta   quando   superiamo   i momenti   difficili.   Le   persone   serene   sono   quelle   che   hanno   il   sorriso   sul   volto   e   magari   non   hanno   neanche   il   necessario per   vivere,   altre   che   vivono   nell'abbondanza   sono   condizionate   dall’avidità.   Perché   vogliamo   che   il   Signore   e   la   Madonna ci   aiutino   a   modo   nostro   e   non   a   modo   loro?   Ci   danno   la   cosa   migliore   fino   all'ultimo   giorno   della   nostra   vita,   mentre   noi non    sappiamo    nemmeno    cosa    sia    conveniente    chiedere.    Il    Signore    è    giusto,    non    concede    repliche,    si    salvano semplicemente   coloro   che   osservano   i   comandamenti.   Sappiamo   leggere   il   significato   del   Vangelo?   Un   tale   chiese   a Gesù:   Signore,   sono   pochi   quelli   che   si   salvano?   Rispose:    Sforzatevi   di   entrare   per   la   porta   stretta,   perché   molti, vi   dico,   cercheranno   di   entrarvi,   ma   non   ci   riusciranno .   Quando   il   padrone   di   casa   si   alzerà   e   chiuderà   la   porta, rimasti   fuori,   comincerete   a   bussare   alla   porta,   dicendo:   Signore,   aprici.   Ma   egli   vi   risponderà:   Non   vi   conosco,   non   so   di dove   siete.   Allora   comincerete   a   dire:   Abbiamo   mangiato   e   bevuto   in   tua   presenza   e   tu   hai   insegnato   nelle   nostre   piazze. Ma   egli   dichiarerà:   Vi   dico   che   non   so   di   dove   siete.   Allontanatevi   da   me   voi   tutti   operatori   d'iniquità!   Là   ci   sarà   pianto   e stridore   di   denti   quando   vedrete   Abramo,   Isacco   e   Giacobbe   e   tutti   i   profeti   nel   regno   di   Dio   e   voi   cacciati   fuori "   (Lc. 13,23-29).      Quando   declassifichiamo   e   critichiamo   gli   altri,   condanniamo   noi   stessi.   La   parola   di   Dio   non   giustifica   tutto, ma   in   alcuni   passaggi   è   dura   per   uomo,   ci   mette   in   discussione   davanti   ai   vizi   capitali   e   ai   comandamenti.   Per   ogni precetto   ci   sono   una   infinità   di   modi   di   peccare,   così   come   ogni   colore   ha   una   infinità   di   sfumature.   Non   possiamo annacquare   il   Catechismo   e   il   Vangelo   e   sentirci   acculturati   solo   perché   abbiamo   la   corona   del   Rosario   in   mano.   Quando veniva   recitato   dai   nostri   padri   aumentava   la   fede   perché   avevano   santo   timore   di   Dio,   ma   oggi   non   c’è   più.   La   porta stretta   ha   dei   significati   ben   precisi,   per   entrarci   dobbiamo   togliere   tutto   quello   che   di   materiale   portiamo   con noi .   Parliamo   con   troppa   leggerezza   della   misericordia   di   Dio,   come   possiamo   non   considerare   le   parole   di   Gesù?   Dov’è l’amore?   Siamo   portatori   di   gioia   noi   che   parliamo   in   nome   di   Dio   oppure   abbiamo   trascurato   e   penalizzato   i   nostri familiari?   Tanti   cristiani   creano   divisioni   terrificanti   perché   vogliono   imporre   le   preghiere,   si   dividono   in   nome   di   Dio   e   si comportano   come   dei   terroristi   quando   gli   altri   non   la   pensano   allo   stesso   modo.   Per   salvare   l’armonia   familiare dovremmo   accettare   ciò   che   la   nostra   mente   mai   accetterebbe.   A   cosa   valgono   due   preghiere   in   più   quando   diamo   la colpa   agli   altri   dei   nostri   errori?   Dov’è   l’umiltà?   Potevamo   portare   del   bene   pregando   in   un   altro   modo,   non mancando   d’amore   e   di   disponibilità   verso   i   nostri   cari.    Quando   ci   sono   degli   alterchi   in   casa,   sentiamoci comunque   colpevoli   al   50%   perché   possiamo   avere   irritato   gli   altri   senza   rendercene   conto,   così   avremo   ancora   stimoli per migliorarci. DOV’È LA NOSTRA SCALTREZZA? Dove   abbiamo   un   interesse   dimostriamo   conoscenza,   avviene   nell’arte,   nella   musica,   nelle   opere   letterarie.   Se   la   parola di   Dio   non   ha   inciso   nella   nostra   vita   significa   che   non   ci   interessa.   Conosciamo   le   verità   principali,   l’atto   di   fede,   di speranza   e   di   carità,   o   i   salmi   che   sono   vita   vissuta?   Perché   rifiutiamo   ciò   che   è   indispensabile   all’uomo   e   pensiamo   di essere   dei   buoni   educatori?   Se   il   Signore   ci   dice   di   seguirlo   abbiamo   tutto   da   guadagnare,   siamo   noi   che   abbiamo bisogno   di   lui   non   il   contrario.   L’unica   cosa   che   ci   fa   fuoriuscire   dalla   nostra   piccolezza   è   la   fede,   ci   fa   diventare   dei giganti   come   accaduto   ai   santi.   È   il   diavolo   che   suggerisce   di   difenderci   quando   veniamo   offesi.   Il   Signore   merita   rispetto da   parte   nostra   perché   tutto   ha   fatto   meravigliosamente   e   a   misura   d’uomo.   Una   delle   opere   d’arte   più   bella   è   ciò   che   ci infastidisce   di   più,   il   moscerino:   ha   tutti   gli   apparati   di   un   elefante,   è   magnifico.   Milioni   di   anni   prima   ha   pensato   anche alla   nostra   attività   intellettuale.   Con   la   sua   potenza   ha   creato   il   mondo   e   vuole   che   noi   dimostriamo   di   credere   in   lui attraverso   la   sua   parola.   La   cosa   più   bella   è   vivere   il   Vangelo,   non   leggerlo,   cioè   amarsi   gli   uni   gli   altri.   Non   dobbiamo impoverirci   e   diventare   come   degli   straccioni,   ma   rendere   umile   il   nostro   cuore,   mettendo   al   primo   posto   Dio   pur curando   i   nostri   interessi.   Il   prurito   delle   continue   novità   ci   porta   lontano   dalla   vecchia   Verità.   Accettiamo   e   offriamo   al Signore   delle   ingiustizie   e   delle   provocazioni   con   gioia,   per   non   creare   alterchi   e   litigi,   così   scenderanno   dal   cielo   le grazie.   Saremo   felici   anche   se   perseguitati.    Addossiamoci   pure   colpe   che   non   abbiamo   per   riparare   a   quelli   che   le commettono,   elimineremo   così   anche   le   nostre.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La porta stretta
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Monte Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
La   legge   naturale   che   Dio   ha   rivelato   ai   profeti   è inestinguibile,     nessuno     la     può     distruggere. Quante   persone   mettono   in   dubbio   la   parola   di Dio?   La   loro   fede   si   è   spenta   come   un   fuoco   di paglia,   non   li   ha   accompagnati   nei   momenti   bui della    loro    vita.    Essa    non    penalizza    alcuni    e favorisce   altri,   se   il   risultato   non   è   conforme   alle aspettative      significa      che      non      l’abbiamo alimentata   nel   modo   giusto,   ma   abbiamo   fatto   la vita    che    volevamo.    La    fede    aumenta    quando superiamo   i   momenti   difficili.   Le   persone   serene sono    quelle    che    hanno    il    sorriso    sul    volto    e magari    non    hanno    neanche    il    necessario    per vivere,    altre    che    vivono    nell'abbondanza    sono condizionate   dall’avidità.   Perché   vogliamo   che   il Signore   e   la   Madonna   ci   aiutino   a   modo   nostro   e non   a   modo   loro?   Ci   danno   la   cosa   migliore   fino all'ultimo   giorno   della   nostra   vita,   mentre   noi   non sappiamo     nemmeno     cosa     sia     conveniente chiedere.    Il    Signore    è    giusto,    non    concede repliche,    si    salvano    semplicemente    coloro    che osservano   i   comandamenti.   Sappiamo   leggere   il significato   del   Vangelo?   Un   tale   chiese   a   Gesù: Signore,    sono    pochi    quelli    che    si    salvano? Rispose:    Sforzatevi   di   entrare   per   la   porta stretta,   perché   molti,   vi   dico,   cercheranno   di entrarvi,    ma    non    ci    riusciranno .    Quando    il padrone   di   casa   si   alzerà   e   chiuderà   la   porta, rimasti   fuori,   comincerete   a   bussare   alla   porta, dicendo:   Signore,   aprici.   Ma   egli   vi   risponderà: Non    vi    conosco,    non    so    di    dove    siete.    Allora comincerete   a   dire:   Abbiamo   mangiato   e   bevuto in   tua   presenza   e   tu   hai   insegnato   nelle   nostre piazze.   Ma   egli   dichiarerà:   Vi   dico   che   non   so   di dove     siete.     Allontanatevi     da     me     voi     tutti operatori   d'iniquità!   Là   ci   sarà   pianto   e   stridore   di denti   quando   vedrete   Abramo,   Isacco   e   Giacobbe e   tutti   i   profeti   nel   regno   di   Dio   e   voi   cacciati fuori "   (Lc.   13,23-29).      Quando   declassifichiamo   e critichiamo   gli   altri,   condanniamo   noi   stessi.   La parola   di   Dio   non   giustifica   tutto,   ma   in   alcuni passaggi     è     dura     per     uomo,     ci     mette     in discussione     davanti     ai     vizi     capitali     e     ai comandamenti.    Per    ogni    precetto    ci    sono    una infinità   di   modi   di   peccare,   così   come   ogni   colore ha    una    infinità    di    sfumature.    Non    possiamo annacquare   il   Catechismo   e   il   Vangelo   e   sentirci acculturati    solo    perché    abbiamo    la    corona    del Rosario    in    mano.    Quando    veniva    recitato    dai nostri   padri   aumentava   la   fede   perché   avevano santo   timore   di   Dio,   ma   oggi   non   c’è   più.   La porta   stretta   ha   dei   significati   ben   precisi,   per entrarci   dobbiamo   togliere   tutto   quello   che di   materiale   portiamo   con   noi .   Parliamo   con troppa   leggerezza   della   misericordia   di   Dio,   come possiamo    non    considerare    le    parole    di    Gesù? Dov’è   l’amore?   Siamo   portatori   di   gioia   noi   che parliamo     in     nome     di     Dio     oppure     abbiamo trascurato   e   penalizzato   i   nostri   familiari?   Tanti cristiani     creano     divisioni     terrificanti     perché vogliono    imporre    le    preghiere,    si    dividono    in nome   di   Dio   e   si   comportano   come   dei   terroristi quando   gli   altri   non   la   pensano   allo   stesso   modo. Per     salvare     l’armonia     familiare     dovremmo accettare     ciò     che     la     nostra     mente     mai accetterebbe.   A   cosa   valgono   due   preghiere   in più   quando   diamo   la   colpa   agli   altri   dei   nostri errori?   Dov’è   l’umiltà?   Potevamo   portare   del bene     pregando     in     un     altro     modo,     non mancando   d’amore   e   di   disponibilità   verso   i nostri    cari.     Quando    ci    sono    degli    alterchi    in casa,    sentiamoci    comunque    colpevoli    al    50% perché    possiamo    avere    irritato    gli    altri    senza rendercene   conto,   così   avremo   ancora   stimoli   per migliorarci. DOV’È LA NOSTRA SCALTREZZA? Dove      abbiamo      un      interesse      dimostriamo conoscenza,   avviene   nell’arte,   nella   musica,   nelle opere   letterarie.   Se   la   parola   di   Dio   non   ha   inciso nella   nostra   vita   significa   che   non   ci   interessa. Conosciamo   le   verità   principali,   l’atto   di   fede,   di speranza   e   di   carità,   o   i   salmi   che   sono   vita vissuta?       Perché       rifiutiamo       ciò       che       è indispensabile   all’uomo   e   pensiamo   di   essere   dei buoni   educatori?   Se   il   Signore   ci   dice   di   seguirlo abbiamo    tutto    da    guadagnare,    siamo    noi    che abbiamo   bisogno   di   lui   non   il   contrario.   L’unica cosa   che   ci   fa   fuoriuscire   dalla   nostra   piccolezza è    la    fede,    ci    fa    diventare    dei    giganti    come accaduto   ai   santi.   È   il   diavolo   che   suggerisce   di difenderci    quando    veniamo    offesi.    Il    Signore merita   rispetto   da   parte   nostra   perché   tutto   ha fatto   meravigliosamente   e   a   misura   d’uomo.   Una delle    opere    d’arte    più    bella    è    ciò    che    ci infastidisce    di    più,    il    moscerino:    ha    tutti    gli apparati   di   un   elefante,   è   magnifico.   Milioni   di anni   prima   ha   pensato   anche   alla   nostra   attività intellettuale.    Con    la    sua    potenza    ha    creato    il mondo   e   vuole   che   noi   dimostriamo   di   credere   in lui   attraverso   la   sua   parola.   La   cosa   più   bella   è vivere   il   Vangelo,   non   leggerlo,   cioè   amarsi   gli uni     gli     altri.     Non     dobbiamo     impoverirci     e diventare    come    degli    straccioni,    ma    rendere umile   il   nostro   cuore,   mettendo   al   primo   posto Dio   pur   curando   i   nostri   interessi.   Il   prurito   delle continue    novità    ci    porta    lontano    dalla    vecchia Verità.    Accettiamo    e    offriamo    al    Signore    delle ingiustizie   e   delle   provocazioni   con   gioia,   per   non creare   alterchi   e   litigi,   così   scenderanno   dal   cielo le       grazie.       Saremo       felici       anche       se perseguitati.    Addossiamoci   pure   colpe   che   non abbiamo   per   riparare   a   quelli   che   le   commettono,   elimineremo   così   anche   le   nostre.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                       La porta stretta
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile
Monte Misma -  Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono