La   pretesa   di   avere   sempre   ragione   è   superbia   che   poi   genera   nella   permalosità.   Come   possiamo   criticare   quello   che abbiamo   fatto   come   genere   umano   o   addirittura   dare   la   colpa   al   Signore?   Dobbiamo   avere   il   coraggio   di   andare controcorrente   e   sostenere   la   verità.   È   esplosa   la   libertà   dell’uomo   o   abbiamo   dimenticato   Dio?   I   colpevoli   della nostra   situazione   siamo   noi,   stiamo   pagando   il   conto   delle   nostre   scelte   e   per   molti,   dentro   questa   maciullaggine,   non   ci sarà   più   neanche   recupero.    Se   abbiamo   creato   una   famiglia   malata   è   perché   non   è   stata   impostata   bene   dai   coniugi. Ognuno   deve   rinunciare   a   qualcosa   a   vantaggio   dell’altro   per   farlo   felice,   è   la   benedizione   per   la   famiglia.   Dobbiamo capire   sempre   il   livello   della   persona   con   cui   abbiamo   a   che   fare,   non   pretendiamo   troppo   se   non   ha   delle   capacità   e nemmeno   troppo   poco   se   ne   ha   tante,   altrimenti   si   genera   uno   squilibrio.   Così   le   donne   devono   stare   attente   a   non escludere   il   marito   quando   nascono   i   figli.   Dov’è   lo   spirito   d’amore   e   di   sacrificio?   Ci   si   rinfaccia   tutto   e   poi   ci   si   consola con   altre   persone.   È   un   mondo   senza   futuro,   se   ne   stanno   accorgendo   anche   i   vescovi   e   i   preti   che   non   si   fidano   più   del devozionismo   e   dei   carismi   in   generale,   ma   guardano   al   concreto.   Dov’è   la   parola   di   Dio?   La   Chiesa   consente   benedizioni per   ogni   genere   di   problema   che   anche   i   laici   possono   eseguire,   ma   oggi   più   nessuno   ci   fa   caso   perché   abbiamo   seguito altre   regole.   Quando   un   sacerdote   elargisce   una   bene-dizione   viene   recepita   dall’uomo   come   una   formula   magica   o   di liberazione.   In   realtà   significa   che    il   Signore   dice   bene   di   noi.    È   il   contrario   della   male-dizione,   che   non   è   una   fattura   o una   messa   nera,   ma   una   parola   detta   male   che   attira   le   cose   negative   nelle   case   e   negli   ambienti   che   frequentiamo.   Con la   benedizione   ci   attiriamo   gli   angeli   del   cielo   perché   la   dizione   perfetta   del   bene   è   quella   di   Dio,   ha   valore   quando diciamo   bene   mentre   quando   diciamo   male   svanisce.   Non   diamo   la   colpa   al   diavolo   dei   nostri   errori,   egli   agisce   se   glielo permettiamo   noi,   perciò   nessuna   parola   cattiva   esca   più   dalla   nostra   bocca.   Il   Signore   è   andato   recuperare   la   pecorella smarrita   lasciando   le   altre   novantanove,   amiamo   noi   il   nemico,   quello   che   a   parer   nostro   ci   fa   soffrire?   È   la   prova   e   il momento   difficile   che   genera   la   fede   non   quando   viviamo   nell’agiatezza   e   nel   benessere.   Con   la   fede   affrontiamo tutte   le   situazioni   e   tutti   imprevisti,   l’amore   ci   fa   accettare   quello   che   la   nostra   mente   mai   accetterebbe.   La   fede   è credere   ma   noi   in   realtà   in   cosa   crediamo?   Non   possiamo   pretendere   una   retribuzione   se   non   abbiamo   ancora   lavorato, così   non   possiamo   chiedere   un   aiuto   al   Signore   senza   aver   fatto   prima   la   nostra   parte   (che   non   è   racchiusa   in   due preghiere).   Dobbiamo   servire   Dio   con   umiltà   e   carità,   rispettando   i   comandamenti   e   accettando   anche   prove   non   facili.   È questo il percorso per ottenere il giusto riconoscimento che anche Gesù ha seguito prima di risorgere. CHI AMA NON SI LAMENTA PIÙ Guardiamo   la   potenza   di   Dio,   poche   persone   sante   bastano   per   coprire   le   magagne   su   questa   terra.   Impariamo   ad affidarci   totalmente   a   Maria   SS.   come   Madre,   non   soltanto   per   chiedere,   ma   anche   per   consolarla   di   tutte   le   sofferenze che   in   questo   momento   sta   vedendo   insieme   al   disinteresse   e   alla   negligenza   dei   propri   figli,   che   vogliono   vivere   soltanto la   parte   più   gradevole   su   questa   terra.   Dimostriamo   di   portare   la   nostra   croce   con   dignità   e   coraggio,   offriamo   piccole azioni   e   fioretti   ogni   giorno,   se   qualcuno   ci   offende   non   lamentiamoci   ma   facciamolo   salire   in   cielo   con   amore   e consideriamolo   perfetta   letizia.   Diciamo   il   nostro   sì   con   incoscienza,   il   Signore   ci   verrà   incontro   giorno   per   giorno   perché non   abbandona   i   suoi   figli.   Quando   abbiamo   la   salute   pensiamo   ai   soldi,   quando   abbiamo   i   soldi   pensiamo   alle   cose   più comode   di   cui   possiamo   vantarci,   ma   non   pensiamo   all’anima:   nella   parabola   di   Gesù   il   povero   Lazzaro   è   diventato   ricco nella   gloria   di   Dio,   mentre   il   ricco   Epulone   è   diventato   povero   perché   si   è   giocato   l’anima.   Su   dieci   lebbrosi   guariti   uno solo   è   tornato   a   ringraziare   Gesù   ed   è   stato   salvato   per   la   sua   fede.   È   una   percentuale   che   vediamo   nella   nostra   vita quotidiana.   Quanti   cristiani   ringraziano   veramente   il   Signore   e   quanti   vanno   in   chiesa   solo   per   ottenere?   Di   questi   quanti sono   all’altezza   del   proprio   ruolo?   Essere   guariti   non   significa   essere   salvati.   Siamo   ingrati   verso   il   Signore   ma   pronti   a dare   le   nostre   sentenze,   senza   renderci   conto   siamo   degli   idolatri   della   nostra   idea.    Essere   cristiani   non   significa frequentare   la   santa   messa   e   vivere   in   modo   disordinato,   ma   vivere   la   parola   del   Signore.   Noi   entriamo   in   chiesa   nella condizione   in   cui   siamo   naturalmente,   non   pensiamo   (come   certi   carismatici)   che   lo   Spirito   Santo   venga   a   suggerirci parole   che   non   conosciamo.   Il   Signore   ci   prova   in   modo   non   gradevole,   ecco   perché   Giobbe,   Geremia   ed   altri   profeti hanno   maledetto   il   giorno   che   sono   stati   concepiti.   La   Madonna   è   intervenuta   ad   aiutarci,   un   beneficio   che   non   ci rendiamo   conto   di   avere,   tuttavia   davanti   a   lei   ci   comportiamo   come   i   bambini,   chiediamo   in   continuazione   e   quando   non otteniamo   facciamo   i   capricci.   Se   il   Signore   non   ci   concedesse   più   niente   non   pregheremmo   più?   Eppure   abbiamo   motivi di pregare perché tutto ha creato per noi.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La bene-dizione
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Monte Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  La   pretesa   di   avere   sempre   ragione   è   superbia che     poi     genera     nella     permalosità.     Come possiamo   criticare   quello   che   abbiamo   fatto   come genere    umano    o    addirittura    dare    la    colpa    al Signore?   Dobbiamo   avere   il   coraggio   di   andare controcorrente   e   sostenere   la   verità.   È   esplosa la   libertà   dell’uomo   o   abbiamo   dimenticato Dio?    I   colpevoli   della   nostra   situazione   siamo noi,   stiamo   pagando   il   conto   delle   nostre   scelte   e per   molti,   dentro   questa   maciullaggine,   non   ci sarà   più   neanche   recupero.    Se   abbiamo   creato una    famiglia    malata    è    perché    non    è    stata impostata     bene     dai     coniugi.     Ognuno     deve rinunciare   a   qualcosa   a   vantaggio   dell’altro   per farlo    felice,    è    la    benedizione    per    la    famiglia. Dobbiamo   capire   sempre   il   livello   della   persona con   cui   abbiamo   a   che   fare,   non   pretendiamo troppo    se    non    ha    delle    capacità    e    nemmeno troppo   poco   se   ne   ha   tante,   altrimenti   si   genera uno    squilibrio.    Così    le    donne    devono    stare attente     a     non     escludere     il     marito     quando nascono    i    figli.    Dov’è    lo    spirito    d’amore    e    di sacrificio?   Ci   si   rinfaccia   tutto   e   poi   ci   si   consola con   altre   persone.   È   un   mondo   senza   futuro,   se ne   stanno   accorgendo   anche   i   vescovi   e   i   preti che   non   si   fidano   più   del   devozionismo   e   dei carismi   in   generale,   ma   guardano   al   concreto. Dov’è    la    parola    di    Dio?    La    Chiesa    consente benedizioni    per    ogni    genere    di    problema    che anche    i    laici    possono    eseguire,    ma    oggi    più nessuno   ci   fa   caso   perché   abbiamo   seguito   altre regole.   Quando   un   sacerdote   elargisce   una   bene- dizione     viene     recepita     dall’uomo     come     una formula    magica    o    di    liberazione.    In    realtà significa   che    il   Signore   dice   bene   di   noi.    È   il contrario    della    male-dizione,    che    non    è    una fattura   o   una   messa   nera,   ma   una   parola   detta male   che   attira   le   cose   negative   nelle   case   e negli     ambienti     che     frequentiamo.     Con     la benedizione    ci    attiriamo    gli    angeli    del    cielo perché   la   dizione   perfetta   del   bene   è   quella   di Dio,    ha    valore    quando    diciamo    bene    mentre quando    diciamo    male    svanisce.    Non    diamo    la colpa   al   diavolo   dei   nostri   errori,   egli   agisce   se glielo    permettiamo    noi,    perciò    nessuna    parola cattiva   esca   più   dalla   nostra   bocca.   Il   Signore   è andato   recuperare   la   pecorella   smarrita   lasciando le    altre    novantanove,    amiamo    noi    il    nemico, quello   che   a   parer   nostro   ci   fa   soffrire?   È   la prova   e   il   momento   difficile   che   genera   la fede   non   quando   viviamo   nell’agiatezza   e   nel benessere.    Con    la    fede    affrontiamo    tutte    le situazioni     e     tutti     imprevisti,     l’amore     ci     fa accettare     quello     che     la     nostra     mente     mai accetterebbe.   La   fede   è   credere   ma   noi   in   realtà in   cosa   crediamo?   Non   possiamo   pretendere   una retribuzione    se    non    abbiamo    ancora    lavorato, così   non   possiamo   chiedere   un   aiuto   al   Signore senza   aver   fatto   prima   la   nostra   parte   (che   non   è racchiusa   in   due   preghiere).   Dobbiamo   servire Dio      con      umiltà      e      carità,      rispettando      i comandamenti    e    accettando    anche    prove    non facili.   È   questo   il   percorso   per   ottenere   il   giusto riconoscimento   che   anche   Gesù   ha   seguito   prima di risorgere. CHI AMA NON SI LAMENTA PIÙ Guardiamo    la    potenza    di    Dio,    poche    persone sante   bastano   per   coprire   le   magagne   su   questa terra.   Impariamo   ad   affidarci   totalmente   a   Maria SS.   come   Madre,   non   soltanto   per   chiedere,   ma anche   per   consolarla   di   tutte   le   sofferenze   che   in questo     momento     sta     vedendo     insieme     al disinteresse   e   alla   negligenza   dei   propri   figli,   che vogliono   vivere   soltanto   la   parte   più   gradevole   su questa   terra.   Dimostriamo   di   portare   la   nostra croce    con    dignità    e    coraggio,    offriamo    piccole azioni    e    fioretti    ogni    giorno,    se    qualcuno    ci offende   non   lamentiamoci   ma   facciamolo   salire   in cielo   con   amore   e   consideriamolo   perfetta   letizia. Diciamo   il   nostro   sì   con   incoscienza,   il   Signore   ci verrà    incontro    giorno    per    giorno    perché    non abbandona   i   suoi   figli.   Quando   abbiamo   la   salute pensiamo    ai    soldi,    quando    abbiamo    i    soldi pensiamo   alle   cose   più   comode   di   cui   possiamo vantarci,    ma    non    pensiamo    all’anima:    nella parabola   di   Gesù   il   povero   Lazzaro   è   diventato ricco   nella   gloria   di   Dio,   mentre   il   ricco   Epulone   è diventato   povero   perché   si   è   giocato   l’anima.   Su dieci    lebbrosi    guariti    uno    solo    è    tornato    a ringraziare   Gesù   ed   è   stato   salvato   per   la   sua fede.   È   una   percentuale   che   vediamo   nella   nostra vita     quotidiana.     Quanti     cristiani     ringraziano veramente   il   Signore   e   quanti   vanno   in   chiesa solo     per     ottenere?     Di     questi     quanti     sono all’altezza   del   proprio   ruolo?   Essere   guariti   non significa    essere    salvati.    Siamo    ingrati    verso    il Signore   ma   pronti   a   dare   le   nostre   sentenze, senza    renderci    conto    siamo    degli    idolatri della   nostra   idea.    Essere   cristiani   non   significa frequentare   la   santa   messa   e   vivere   in   modo disordinato,   ma   vivere   la   parola   del   Signore.   Noi entriamo   in   chiesa   nella   condizione   in   cui   siamo naturalmente,      non      pensiamo      (come      certi carismatici)     che     lo     Spirito     Santo     venga     a suggerirci   parole   che   non   conosciamo.   Il   Signore ci   prova   in   modo   non   gradevole,   ecco   perché Giobbe,   Geremia   ed   altri   profeti   hanno   maledetto il   giorno   che   sono   stati   concepiti.   La   Madonna   è intervenuta   ad   aiutarci,   un   beneficio   che   non   ci rendiamo   conto   di   avere,   tuttavia   davanti   a   lei   ci comportiamo    come    i    bambini,    chiediamo    in continuazione   e   quando   non   otteniamo   facciamo i   capricci.   Se   il   Signore   non   ci   concedesse   più niente   non   pregheremmo   più?   Eppure   abbiamo motivi di pregare perché tutto ha creato per noi.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                       La bene-dizione
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile
Monte Misma -  Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono