Il   Signore   non   ci   porta   a   trascurare   le   nostre   responsabilità,   anzi   tiene   conto   di   chi   ha   fatto   bene   il   proprio   dovere   in famiglia   e   al   lavoro.   Dobbiamo   essere   buoni   amministratori   della   nostra   vita   senza   dimenticare   i   doni   e   i   talenti   che   Dio ci   ha   dato.   Pregare   incessantemente   non   significa   necessariamente   con   le   parole,   ma   avere   Dio   nel   cuore,   amare   i   suoi decreti   e   i   suoi   comandamenti,   pur   affrontando   le   responsabilità   quotidiane.   Sant’Agostino   nella   sua   lettera   a   Proba   ne spiega   il   significato.   Non   è   la   quantità   di   tempo   che   dobbiamo   dedicare   ma   l’intensità   che   esce   dal   nostro   cuore,    le sue   aspirazioni   sono   l’anima   della   preghiera.   Il   dovere   della   preghiera   si   adempie   meglio   con   i   gemiti   e   le   lacrime,   che con   i   discorsi,   perché   Dio   conosce,   prima   ancora   che   glielo   domandiamo,   quello   che   ci   è   necessario.   Ma   in   certe   ore   e   in determinate   circostanze,   ci   rivolgiamo   a   Dio   anche   con   le   parole,   perché   possiamo   stimolare   noi   stessi   e   renderci   conto di   quanto   abbiamo   progredito   nelle   sante   aspirazioni.   Quel   giudice   cattivo   ha   avuto   un   ripensamento   davanti   alla   vedova che   con   insistenza   si   rivolgeva   a   lui   per   chiedere   giustizia   (Lc   18,1-8).   Nulla   è   cambiato   rispetto   ad   oggi,   quante   persone vanno   a   chiedere   aiuto   a   quelle   che   hanno   il   potere?   Vediamo   più   giustizia   o   ingiustizia?   Il   Vangelo   può   essere paragonato   al   tempo   corrente,   cerchiamo   di   farne   buon   uso,   di   viverlo   e   qualche   volta   leggerlo.   Uno   che   rispetta   la   legge in   un   modo   perfetto   come   il   fariseo   viene   messo   al   bando   da   Gesù   perché   mentre   stava   elencando   i   suoi   traguardi dimostrava   tutta   la   sua   superbia.   È   quello   che   succede   anche   a   noi   quando   pensiamo   di   meritarci   questa   palma, criticando   e   giudicando   eliminiamo   tutto   il   bene   che   abbiamo   fatto.   Oppure   quando   lasciamo   criticare   gli   altri   pur conoscendo    la    verità.    Non    ci    sono    giustificazioni,    avremo    misericordia    se    avremo    usato    misericordia.    Sentiamoci piuttosto   indegni   come   il   pubblicano,   perché   davanti   a   Dio   non   esistono   i   migliori   ma   i   meno   peggio.   Identifichiamoci   nei santi così non ci sentiremo i più bravi. A CHI ASSOMIGLIAMO? Non   possiamo   capire   come   agisce   la   Madonna   quando   compie   un   miracolo,   né   capire   come   agisce   il   demonio   che   è troppo   astuto   e   subdolo.   La   Madonna   gradisce   quando   stiamo   bene   insieme   e   quando   c'è   la   vera   amicizia,   mentre   noi   ci scontriamo   per   motivi   futili   perché   non   sappiamo   accettare   umiliazioni   e   ingiustizie.   Siamo   più   propensi   a   lasciarci prendere   dallo   stile   del   diavolo   o   della   Santissima   Vergine?   In   quest'ultimo   caso   chiuderemmo   gli   occhi   sulle   azioni   poco edificanti   dei   nostri   familiari.   Parliamo   d'amore   quando   veniamo   pugnalati   alle   spalle   oppure   ci   lamentiamo?   La   parola del   Signore   potrebbe   essere   criticabile   come   nella   parabola   dell’amministratore   disonesto   dove   è   stata   lodata   la   sua scaltrezza.    In   certi   momenti   bisogna   capire   che   non   tutto   deve   funzionare   come   un   calcolo   matematico   o scientifico,   ma   occorre   usare   misure   appropriate.    Oggi   sentiamo   troppe   indicazioni,   una   contraria   dell’altra,   anche nell’ambito   della   Chiesa,   così   ci   mettiamo   a   giudicare.   Tante   cose   vengono   dal   “nemico   dichiarato”   per   confondere   la mentalità   delle   persone.   Anche   tanti   carismi   in   realtà   non   vengono   dal   cielo   ma   portano   maledizione,   perché   quello   che abbonda   di   carismi   è   il   demonio.   L’unica   garanzia   è   la   parola   di   Dio.   In   quest’epoca   la   cosa   più   peccaminosa   sembra racchiusa   in   tre   stili   di   vita:   nel   bestemmiatore,   in   quello   che   non   va   in   chiesa   e   nell’adultero.   Questi   tre   peccati, soprattutto   quello   della   carne,   col   tempo   passano,   guariscono,   uccidono   noi   stessi   ma   non   influiscono   sugli   altri.   Mentre la   superbia,   la   malizia,   la   malvagità,   la   gelosia,   l’invidia,   l’avidità,   col   tempo   peggiorano   e   rendono   un   cuore   malato, difficilmente   guaribile.    Sono   questi   i   peccati   più   terribili   che   creano   danni   all’umanità   e   in   tanti   casi   si   ripercuotono   di generazione   in   generazione.   Gesù   ha   usato   occhi   di   riguardo   verso   Zaccheo   e   tanti   si   sono   scandalizzati.   Lo   ha   scelto perché   aveva   un   cuore   buono   e   ha   dato   metà   dei   suoi   beni   ai   poveri,   mentre   quello   che   ha   la   superbia,   l’invidia   e l’avidità   non   si   comporta   così   anche   se   prega,   va   in   chiesa   e   fa   digiuni.   Certi   peccati   scandalizzano   i   puritani,   ma   il Signore   ha   detto   che   le   prostitute   ci   passeranno   avanti.   Questa   frase   ha   un   significato   preciso.   A   cosa   serve   andare   in chiesa   quando,   con   ancora   il   corpo   di   Cristo   sulla   lingua,   emettiamo   sentenze   e   giudizi?   È   entrato   il   Santissimo   e fuoriesce   il   veleno?   Possiamo   definirci   ipocriti   perché   nel   comportamento   e   nei   ragionamenti   non   assomigliamo   al Signore   e   alla   Madonna.   Con   la   gioia   nel   cuore   i   demoni   mentali,   le   paure   e   le   insicurezze,   svaniscono.   La   gioia   guarisce tante   malattie   e   non   ha   controindicazioni,   dobbiamo   essere   apostoli   della   lieta   novella,   non   di   disperazione   e   di   fatti terribili   come   fossimo   venditori   di   veleni.   La   lingua   uccide   e   non   ce   ne   rendiamo   conto,   quale   vantaggio   ha   la   Madonna dalla   nostra   presenza   e   dal   nostro   parlare?   Chiediamo   in   continuazione   ma   non   amiamo.   Le   nostre   dichiarazioni annullano   tutta   la   bontà   che   vorremmo   dimostrare,   chi   sparla   di   una   persona   sparla   contro   Dio.   Maria   Santissima   non verrà mai a dire che c’è una persona cattiva, anche il peggiore è per lei un figlio di Dio.       Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Pregare incessantemente
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Monte Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il   Signore   non   ci   porta   a   trascurare   le   nostre responsabilità,   anzi   tiene   conto   di   chi   ha   fatto bene   il   proprio   dovere   in   famiglia   e   al   lavoro. Dobbiamo    essere    buoni    amministratori    della nostra   vita   senza   dimenticare   i   doni   e   i   talenti che   Dio   ci   ha   dato.   Pregare   incessantemente   non significa    necessariamente    con    le    parole,    ma avere   Dio   nel   cuore,   amare   i   suoi   decreti   e   i   suoi comandamenti,   pur   affrontando   le   responsabilità quotidiane.    Sant’Agostino    nella    sua    lettera    a Proba   ne   spiega   il   significato.   Non   è   la   quantità   di tempo    che    dobbiamo    dedicare    ma    l’intensità che   esce   dal   nostro   cuore,    le   sue   aspirazioni sono    l’anima    della    preghiera.    Il    dovere    della preghiera   si   adempie   meglio   con   i   gemiti   e   le lacrime,   che   con   i   discorsi,   perché   Dio   conosce, prima   ancora   che   glielo   domandiamo,   quello   che ci   è   necessario.   Ma   in   certe   ore   e   in   determinate circostanze,    ci    rivolgiamo    a    Dio    anche    con    le parole,   perché   possiamo   stimolare   noi   stessi   e renderci    conto    di    quanto    abbiamo    progredito nelle   sante   aspirazioni.   Quel   giudice   cattivo   ha avuto   un   ripensamento   davanti   alla   vedova   che con    insistenza    si    rivolgeva    a    lui    per    chiedere giustizia   (Lc   18,1-8).   Nulla   è   cambiato   rispetto ad   oggi,   quante   persone   vanno   a   chiedere   aiuto a    quelle    che    hanno    il    potere?    Vediamo    più giustizia    o    ingiustizia?    Il    Vangelo    può    essere paragonato    al    tempo    corrente,    cerchiamo    di farne    buon    uso,    di    viverlo    e    qualche    volta leggerlo.   Uno   che   rispetta   la   legge   in   un   modo perfetto   come   il   fariseo   viene   messo   al   bando   da Gesù    perché    mentre    stava    elencando    i    suoi traguardi    dimostrava    tutta    la    sua    superbia.    È quello   che   succede   anche   a   noi   quando   pensiamo di      meritarci      questa      palma,      criticando      e giudicando   eliminiamo   tutto   il   bene   che   abbiamo fatto.   Oppure   quando   lasciamo   criticare   gli   altri pur     conoscendo     la     verità.     Non     ci     sono giustificazioni,    avremo    misericordia    se    avremo usato   misericordia.   Sentiamoci   piuttosto   indegni come   il   pubblicano,   perché   davanti   a   Dio   non esistono      i      migliori      ma      i      meno      peggio. Identifichiamoci   nei   santi   così   non   ci   sentiremo   i più bravi. A CHI ASSOMIGLIAMO? Non   possiamo   capire   come   agisce   la   Madonna quando    compie    un    miracolo,    né    capire    come agisce   il   demonio   che   è   troppo   astuto   e   subdolo. La     Madonna     gradisce     quando     stiamo     bene insieme   e   quando   c'è   la   vera   amicizia,   mentre   noi ci     scontriamo     per     motivi     futili     perché     non sappiamo    accettare    umiliazioni    e    ingiustizie. Siamo    più    propensi    a    lasciarci    prendere    dallo stile   del   diavolo   o   della   Santissima   Vergine?   In quest'ultimo    caso    chiuderemmo    gli    occhi    sulle azioni     poco     edificanti     dei     nostri     familiari. Parliamo   d'amore   quando   veniamo   pugnalati   alle spalle    oppure    ci    lamentiamo?    La    parola    del Signore    potrebbe    essere    criticabile    come    nella parabola    dell’amministratore    disonesto    dove    è stata   lodata   la   sua   scaltrezza.    In   certi   momenti bisogna      capire      che      non      tutto      deve funzionare   come   un   calcolo   matematico   o scientifico,      ma      occorre      usare      misure appropriate.    Oggi   sentiamo   troppe   indicazioni, una   contraria   dell’altra,   anche   nell’ambito   della Chiesa,   così   ci   mettiamo   a   giudicare.   Tante   cose vengono   dal   “nemico   dichiarato”   per   confondere la   mentalità   delle   persone.   Anche   tanti   carismi   in realtà     non     vengono     dal     cielo     ma     portano maledizione,     perché     quello     che     abbonda     di carismi   è   il   demonio.   L’unica   garanzia   è   la   parola di   Dio.   In   quest’epoca   la   cosa   più   peccaminosa sembra     racchiusa     in     tre     stili     di     vita:     nel bestemmiatore,   in   quello   che   non   va   in   chiesa   e nell’adultero.     Questi     tre     peccati,     soprattutto quello      della      carne,      col      tempo      passano, guariscono,     uccidono     noi     stessi     ma     non influiscono    sugli    altri.    Mentre    la    superbia,    la malizia,     la     malvagità,     la     gelosia,     l’invidia, l’avidità,    col    tempo    peggiorano    e    rendono    un cuore   malato,   difficilmente   guaribile.    Sono   questi i   peccati   più   terribili   che   creano   danni   all’umanità e   in   tanti   casi   si   ripercuotono   di   generazione   in generazione.    Gesù    ha    usato    occhi    di    riguardo verso   Zaccheo   e   tanti   si   sono   scandalizzati.   Lo   ha scelto   perché   aveva   un   cuore   buono   e   ha   dato metà   dei   suoi   beni   ai   poveri,   mentre   quello   che ha    la    superbia,    l’invidia    e    l’avidità    non    si comporta   così   anche   se   prega,   va   in   chiesa   e   fa digiuni.   Certi   peccati   scandalizzano   i   puritani,   ma il     Signore     ha     detto     che     le     prostitute     ci passeranno   avanti.   Questa   frase   ha   un   significato preciso.   A   cosa   serve   andare   in   chiesa   quando, con    ancora    il    corpo    di    Cristo    sulla    lingua, emettiamo    sentenze    e    giudizi?    È    entrato    il Santissimo     e     fuoriesce     il     veleno?     Possiamo definirci   ipocriti   perché   nel   comportamento   e   nei ragionamenti   non   assomigliamo   al   Signore   e   alla Madonna.    Con    la    gioia    nel    cuore    i    demoni mentali,   le   paure   e   le   insicurezze,   svaniscono.   La gioia     guarisce     tante     malattie     e     non     ha controindicazioni,   dobbiamo   essere   apostoli   della lieta    novella,    non    di    disperazione    e    di    fatti terribili    come    fossimo    venditori    di    veleni.    La lingua   uccide   e   non   ce   ne   rendiamo   conto,   quale vantaggio   ha   la   Madonna   dalla   nostra   presenza   e dal   nostro   parlare?   Chiediamo   in   continuazione ma     non     amiamo.     Le     nostre     dichiarazioni annullano     tutta     la     bontà     che     vorremmo dimostrare,    chi    sparla    di    una    persona    sparla contro   Dio.   Maria   Santissima   non   verrà   mai   a dire    che    c’è    una    persona    cattiva,    anche    il peggiore è per lei un figlio di Dio.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                       Pregare incessantemente
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile
Monte Misma -  Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono