Il   miglior   dialogo   con   il   Signore   è   il   silenzio,   così   è   lui   che   parla.   Egli   sa   quello   di   cui   abbiamo   bisogno,   da   noi   vuole   solo che   rispettiamo   i   suoi   comandamenti.   Perché   dobbiamo   farci   contagiare   da   persone   scontente,   da   gente   che   non   è sincera   e   si   lamenta   per   interessi   personali?   Non   dobbiamo   portare   a   casa   i   problemi   che   crea   l’uomo.    La   nostra casa   deve   essere   un   alveare   di   pace   e   di   gioia,   un’oasi   felice   dove   genitori   e   figli   possono   finalmente   rilassarsi.   È   bello preservare   nel   silenzio   coloro   che   affrontano   più   problemi   di   altri,   hanno   bisogno   di   stare   un   po’   con   sé   stessi.   Dobbiamo difendere   in   ogni   modo   la   nostra   casa,   anche   a   costo   di   ingoiare   bocconi   amari   dalle   persone   più   care.   Deve   diventare   il posto   più   bello   che   esiste,   come   se   non   volessimo   andare   più   da   nessun’altra   parte:   un   sorriso,   una   battuta,   una cavolata,   un’arrabbiatura,   tutto   deve   essere   circoscritto   alla   famiglia   e   nessuno   deve   saperlo.   È   inutile   far   cambiare modo   di   ragionare   a   quelli   che   non   lo   cambieranno,   proviamo   a   essere   un   po’   più   tolleranti.   Dobbiamo   immolarci   per   i nostri   familiari   per   salvaguardare   la   pace   e   l’unione,   sentiremo   una   gioia   che   non   abbiamo   mai   sentito   prima,   non   ci sentiremo   di   essere   stati   presi   in   giro.   Guardiamo   i   nostri   cari   come   le   persone   più   belle,   aiutiamoli,   facciamo   vedere   che combattiamo   la   stessa   battaglia,   senza   paura   e   pretese.   Lasciamoli   fuori   dai   nostri   problemi,   non   ne   hanno   colpa,   essi servono   soltanto   a   distruggere   e   a   sconquassare.   Appendiamoli   a   un   chiodo   ben   grosso   fuori   casa,   li   riprenderemo   al mattino   ma   forse   potrebbero   essere   spariti.   È   un   cammino   di   intelligenza,   di   scaltrezza   e   di   spensieratezza,   perché   i   figli   della   luce   sono   più   scaltri   degli   altri.   Quando   una   cosa   non   si   può   più   cambiare,   possiamo   stare   tranquilli, riflettere   e   non   prendere   decisioni   se   siamo   pieni   di   livore.   Possiamo   dire   qualche   preghiera   nel   nostro   cuore,   come   se dovessimo   spostare   tutte   le   nostre   viscere.   Davanti   al   nostro   coraggio   potremmo   sentire   l’aiuto   del   Signore   e   della Madonna,   anche   se   l’abbiamo   combinata   grossa   o   ce   l’hanno   combinata   grossa.   Stiamo   lì   fermi,   imperterriti,   tenaci, testoni,   con   il   cuore   e   la   mente   assorti   nel   Signore   senza   pretendere   niente,   ammettiamo   i   nostri   errori   e   proponiamo   di non   commetterli   più.   Chiamiamo   come   testimone   soltanto   Dio.   Poi   improvvisamente,   nella   quiete,   avviene   questo fantastico   miracolo:   sentiamo   che   anche   nella   peggiore   delle   ipotesi   c’è   ancora   una   possibilità.   C’è   sempre   una   via d’uscita   con   il   Signore   per   ogni   problema,    però   dobbiamo   tenercelo   per   noi.   Invochiamo   la   sua   sapienza,   ci sentiremo   vincitori   perché   non   ci   ha   abbandonati.   Facciamo   finta   di   niente,   non   sempre   il   torto   viene   da   una   parte   e   la ragione   dall’altra.   Mai   avremmo   pensato   di   andare   a   letto   sereni.   Questa   è   la   fede   che   viene   da   Dio.   Da   quale   diavolo   è nato   quel   problema?   Quando   guarderemo   i   nostri   cari   penseremo   che   ci   vuole   un   grande   cuore   di   padre   o   di   madre   per superare   certe   cose.   Che   bello   se   fuoriescono   parole   di   pace   e   di   amore   quando   il   nostro   cuore   è   distrutto dalla   sofferenza!   Pensiamo   di   uscire   perdenti   e   invece   usciamo   vincitori.   La   Chiesa   offre   opportunità   per   proteggerci, benedizioni   che   i   genitori   possono   fare   sui   figli.   Non   abituiamoli   a   pretendere   diritti   che   non   meritano,   altrimenti   non fanno   nulla   per   migliorarsi.   Non   illudiamo   la   gente   che   otteniamo   a   prescindere   o   in   base   al   luogo   che   frequentiamo, dobbiamo essere a posto con il Signore per ricevere la sua grazia. COME PUÒ CHIEDERE SOLTANTO PREGHIERE? Che   onore   e   rispetto   riserviamo   a   Maria   Santissima?   Chi   è   per   noi   la   Madre   di   Dio?   La   Madonna   non   è   una   semplice figura   che   può   concedere   il   miracolo.   Per   quello   che   rappresenta   e   per   i   suoi   meriti   è   come   se   la   vedessimo   alta   2000 metri,   un   arco   celeste   della   creazione,   una   Regina   che   comprende   tutte   le   qualità   per   il   vivere   bene.   Dovremmo   andare da   lei   con   uno   spirito   diverso,   sentendoci   indegni   di   diffondere   il   suo   santo   nome   con   le   immaginette   o   la   corona   del Rosario,   perché   Dio   l’ha   colmata   di   grazie.   Invece   la   trattiamo   come   se   fosse   la   nostra   serva   e   ci   appropriamo   delle   sue qualità   come   fanno   purtroppo   certi   carismatici.   Di   quello   che   porta   dal   cielo   non   ci   rimane   niente,   salvo   poche   eccezioni. Quanta   arroganza   Gesù   vede   nei   confronti   di   sua   Madre!   Abbiamo   imparato   con   le   preghiere   a   fare   come   per   gli   interessi di   casa   nostra:   dire   un’Avemaria   non   è   come   dare   un   euro   alla   Madonna,   dirne   cento   non   è   come   offrire   cento   euro.   Se le   preghiere   non   sono   accompagnate   da   concretezza   e   verità   non   valgono   nulla.   Cosa   facciamo   per   la   Madonna? Siamo   sicuri   che   non   le   dobbiamo   mai   niente?   Se   abbiamo   una   dipendenza   o   un   vizio   sarebbe   buona   cosa   non alimentarli,   ma   gestirli   in   modo   che   restino   nella   loro   forma   iniziale.   Invece   diventiamo   voraci   e   distruggiamo   noi   stessi   e quelli   che   ci   stanno   vicino.   A   che   serve?   Limitiamo   i   danni   e   combattiamo   una   qualsiasi   dipendenza,   che   può   essere   il dire   male,    così   per   abitudine   riusciamo   a   vincerla.   Criticare   non   significa   necessariamente   condannare   una   persona   ma dissentire,   riprendere,   rinfacciare.   Evitiamo   di   reagire   o   di   sentirci   stupidi   quando   veniamo   offesi.   Offriamo   come   digiuno al Signore la rinuncia a ciò che siamo più fragili, non il digiuno a pane e acqua.       Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il chiodo fuori casa
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Monte Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il   miglior   dialogo   con   il   Signore   è   il   silenzio,   così è   lui   che   parla.   Egli   sa   quello   di   cui   abbiamo bisogno,   da   noi   vuole   solo   che   rispettiamo   i   suoi comandamenti.   Perché   dobbiamo   farci   contagiare da    persone    scontente,    da    gente    che    non    è sincera   e   si   lamenta   per   interessi   personali?   Non dobbiamo    portare    a    casa    i    problemi    che crea    l’uomo.    La   nostra   casa   deve   essere   un alveare   di   pace   e   di   gioia,   un’oasi   felice   dove genitori   e   figli   possono   finalmente   rilassarsi.   È bello      preservare      nel      silenzio      coloro      che affrontano   più   problemi   di   altri,   hanno   bisogno   di stare   un   po’   con   sé   stessi.   Dobbiamo   difendere   in ogni    modo    la    nostra    casa,    anche    a    costo    di ingoiare   bocconi   amari   dalle   persone   più   care. Deve    diventare    il    posto    più    bello    che    esiste, come     se     non     volessimo     andare     più     da nessun’altra   parte:   un   sorriso,   una   battuta,   una cavolata,     un’arrabbiatura,     tutto     deve     essere circoscritto   alla   famiglia   e   nessuno   deve   saperlo. È   inutile   far   cambiare   modo   di   ragionare   a   quelli che   non   lo   cambieranno,   proviamo   a   essere   un po’    più    tolleranti.    Dobbiamo    immolarci    per    i nostri    familiari    per    salvaguardare    la    pace    e l’unione,   sentiremo   una   gioia   che   non   abbiamo mai   sentito   prima,   non   ci   sentiremo   di   essere stati   presi   in   giro.   Guardiamo   i   nostri   cari   come le   persone   più   belle,   aiutiamoli,   facciamo   vedere che   combattiamo   la   stessa   battaglia,   senza   paura e   pretese.   Lasciamoli   fuori   dai   nostri   problemi, non    ne    hanno    colpa,    essi    servono    soltanto    a distruggere   e   a   sconquassare.   Appendiamoli   a   un chiodo   ben   grosso   fuori   casa,   li   riprenderemo   al mattino   ma   forse   potrebbero   essere   spariti.   È   un cammino   di   intelligenza,   di   scaltrezza   e   di spensieratezza,    perché   i   figli   della   luce   sono più   scaltri   degli   altri.   Quando   una   cosa   non   si   può più   cambiare,   possiamo   stare   tranquilli,   riflettere e   non   prendere   decisioni   se   siamo   pieni   di   livore. Possiamo    dire    qualche    preghiera    nel    nostro cuore,    come    se    dovessimo    spostare    tutte    le nostre     viscere.     Davanti     al     nostro     coraggio potremmo    sentire    l’aiuto    del    Signore    e    della Madonna,   anche   se   l’abbiamo   combinata   grossa o   ce   l’hanno   combinata   grossa.   Stiamo   lì   fermi, imperterriti,    tenaci,    testoni,    con    il    cuore    e    la mente    assorti    nel    Signore    senza    pretendere niente,   ammettiamo   i   nostri   errori   e   proponiamo di     non     commetterli     più.     Chiamiamo     come testimone    soltanto    Dio.    Poi    improvvisamente, nella   quiete,   avviene   questo   fantastico   miracolo: sentiamo   che   anche   nella   peggiore   delle   ipotesi c’è   ancora   una   possibilità.   C’è   sempre   una   via d’uscita   con   il   Signore   per   ogni   problema,   però   dobbiamo   tenercelo   per   noi.   Invochiamo   la sua   sapienza,   ci   sentiremo   vincitori   perché   non   ci ha   abbandonati.   Facciamo   finta   di   niente,   non sempre   il   torto   viene   da   una   parte   e   la   ragione dall’altra.   Mai   avremmo   pensato   di   andare   a   letto sereni.   Questa   è   la   fede   che   viene   da   Dio.   Da quale    diavolo    è    nato    quel    problema?    Quando guarderemo   i   nostri   cari   penseremo   che   ci   vuole un    grande    cuore    di    padre    o    di    madre    per superare   certe   cose.   Che   bello   se   fuoriescono parole   di   pace   e   di   amore   quando   il   nostro cuore   è   distrutto   dalla   sofferenza!   Pensiamo di   uscire   perdenti   e   invece   usciamo   vincitori.   La Chiesa      offre      opportunità      per      proteggerci, benedizioni   che   i   genitori   possono   fare   sui   figli. Non    abituiamoli    a    pretendere    diritti    che    non meritano,     altrimenti     non     fanno     nulla     per migliorarsi.   Non   illudiamo   la   gente   che   otteniamo a     prescindere     o     in     base     al     luogo     che frequentiamo,   dobbiamo   essere   a   posto   con   il Signore per ricevere la sua grazia. COME PUÒ CHIEDERE SOLTANTO PREGHIERE? Che     onore     e     rispetto     riserviamo     a     Maria Santissima?   Chi   è   per   noi   la   Madre   di   Dio?   La Madonna    non    è    una    semplice    figura    che    può concedere   il   miracolo.   Per   quello   che   rappresenta e   per   i   suoi   meriti   è   come   se   la   vedessimo   alta 2000   metri,   un   arco   celeste   della   creazione,   una Regina    che    comprende    tutte    le    qualità    per    il vivere   bene.   Dovremmo   andare   da   lei   con   uno spirito   diverso,   sentendoci   indegni   di   diffondere   il suo   santo   nome   con   le   immaginette   o   la   corona del   Rosario,   perché   Dio   l’ha   colmata   di   grazie. Invece   la   trattiamo   come   se   fosse   la   nostra   serva e   ci   appropriamo   delle   sue   qualità   come   fanno purtroppo   certi   carismatici.   Di   quello   che   porta dal    cielo    non    ci    rimane    niente,    salvo    poche eccezioni.    Quanta    arroganza    Gesù    vede    nei confronti   di   sua   Madre!   Abbiamo   imparato   con   le preghiere   a   fare   come   per   gli   interessi   di   casa nostra:   dire   un’Avemaria   non   è   come   dare   un euro    alla    Madonna,    dirne    cento    non    è    come offrire   cento   euro.   Se   le   preghiere   non   sono accompagnate   da   concretezza   e   verità   non valgono   nulla.   Cosa   facciamo   per   la   Madonna? Siamo   sicuri   che   non   le   dobbiamo   mai   niente?   Se abbiamo    una    dipendenza    o    un    vizio    sarebbe buona   cosa   non   alimentarli,   ma   gestirli   in   modo che    restino    nella    loro    forma    iniziale.    Invece diventiamo    voraci    e    distruggiamo    noi    stessi    e quelli     che     ci     stanno     vicino.     A     che     serve? Limitiamo   i   danni   e   combattiamo   una   qualsiasi dipendenza,   che   può   essere   il   dire   male,    così   per abitudine    riusciamo    a    vincerla.    Criticare    non significa      necessariamente      condannare      una persona    ma    dissentire,    riprendere,    rinfacciare. Evitiamo   di   reagire   o   di   sentirci   stupidi   quando veniamo   offesi.   Offriamo   come   digiuno   al   Signore la   rinuncia   a   ciò   che   siamo   più   fragili,   non   il digiuno a pane e acqua.   

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                       Il chiodo fuori casa
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile
Monte Misma -  Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono