Che   bello   per   un   bambino   vedere   i   propri   genitori   che   si   abbracciano   e   si   dicono:   Sei   la   persona   migliore   che   potevo conoscere   e   ringrazio   il   Signore   per   questo.   Sono   contento   di   te,   mi   dai   sostegno,   cura,   gioia,   hai   contribuito   a   far nascere   questi   meravigliosi   figli ”.   Anche   se   non   fosse   vero,   sono   piccole   bugie che   vanno   a   buon   fine   e   contribuiscono   a   creare   una   bella   atmosfera   in famiglia   e   una   bella   educazione   per   i   figli.   Invece   crescono   con   i   traumi   perché succede   il   contrario.   Come   cristiani   siamo   lontani   dal   vivere   la   parola   di   Dio, troppi   si   comportano   come   se   fossero   dei   perdenti   o   dei   perseguitati.   Alcuni addirittura   vogliono   seguire   Gesù   mettendo   al   primo   posto   l’amante!   Con queste   caratteristiche   non   siamo   fatti   per   un   cammino   cristiano,   pensiamo   di essere   idonei   ma   abbiamo   un’infinità   di   difetti.   La   Santissima   Vergine   non   ha pretese   personali,   non   è   permalosa,   egoista,   opportunista.   Se   ci   interessa   Dio queste   cose   non   devono   esistere,   dobbiamo   disfarcene   perché   sono   muri   che impediscono   di   ricevere   la   sua   grazia.   È   importante   far   capire   agli   altri   come dobbiamo   pregare.   La   caratteristica   principale   che   ci   deve   unire   è   l’amore, quello   disinteressato   non   pretenzioso.   Chi   è   il   nostro   idolo?   Egli   ci   parla   in   un modo   molto   autoritario   e   deciso:   il   nostro   idolo   siamo   noi .   Se   fosse   Dio   non avremmo   più   alcuna   pretesa,   come   ha   fatto   Gesù   che   si   è   dato   in   pasto   ai suoi    carnefici.    L’uomo    desidera    principalmente    le    cose    più    gradevoli,    ma questo   non   deve   essere   l’unico   interesse   della   vita?   Ambire   alle   cose   del   corpo fa   ammalare   l’anima,   è   una   legge   naturale,   ci   inorgoglisce   e   ci   insuperbisce.   Il Signore   ci   ha   chiamato   amici,   ma   lui   non   è   il   nostro   migliore   amico.   Se   lo   fosse,   cercheremmo   di   far   star   bene   gli   altri   e di   considerare   perfetta   letizia   quando   subiamo   ogni   sorta   di   prova,   come   hanno   fatto   i   santi.   Invece   andiamo   subito   in crisi   e   ci   lamentiamo   perché   abbiamo   l’orgoglio   e   la   presunzione.   Per   essere   cristiani   credibili   non   dovremmo   essere polemici ma minimizzare. Vogliamo sostenere i diritti dell’uomo o la parola di Dio? IL PECCATO DI PRESUNZIONE certi   errori ”.   Come   può   gestire   le   cose   di   Dio   che   non   conosce?   Siamo   bravi   ad   accusare   ma   non   ad   ammettere   la   nostra incapacità   di   prendere   delle   decisioni.   Cominciamo   ad   eliminare   i   problemi   che   abbiamo   causato   con   l’orgoglio,   la presunzione,   l’arroganza   e   l’avarizia.   È   importante   da   parte   nostra   l’abbandono   a   Dio,   ma   quale   educazione   abbiamo avuto   dalla   sua   Parola?   Come   possiamo   pensare   di   proporlo   in   un   rituale?   Davanti   al   Signore   non   esistono   regole, dobbiamo   essere   liberi   principalmente   di   essere   l’antidoto   e   il   filtro   a   tutte   le   avversità   della   nostra   vita ,   non   di gestirle   intervenendo,   provocando,   promuovendo   e   criticando.   Ogni   nostro   discorso   davanti   a   Maria   Santissima   sparisce, la   sua   bellezza   è   quella   della   semplicità   e   dell’amore,   davanti   a   lei   ogni   parola   che   non   è   un   inno   all’amore   è   una   nota stonata.   Prima   di   dare   consigli   a   chi   non   conosciamo,   cerchiamo   di   formarci   sui   libri   sapienziali,   in   umiltà   e   in   attesa. Avremo   le   risposte   che   non   pensavamo   di   avere.   In   modo   migliore   di   parlare   di   Dio   è   di   non   parlare   di   Dio   ma   di amare   in   nome   suo.    Chi   ha   difetti   è   colui   che   dice   di   non   averne,   così   come   il   carisma   di   uno   è   forte   quando   non   sa   di averlo   (non   pecca   di   superbia).   Perché   rifiutiamo   tutto   quello   che   la   Chiesa   ci   concede   e   andiamo   a   cercare   le   cose artificiali   del   mondo?   Noi   continuiamo   ad   usufruire   dei   frutti   della   creazione,   ma   non   ringraziamo   il   Signore   e   non rispettiamo   i   suoi   comandamenti.   Dobbiamo   rendere   a   Dio   ciò   che   è   di   Dio,   non   pensare   che   tutto   sia   sottomesso   al volere   dell’uomo,   in   fondo   non   abbiamo   creato   nulla.   Ci   lamentiamo   dei   politici   ma   loro   corrispondono   all’esatta immagine   nostra.   Il   mondo   sta   andando   male   perché   non   riteniamo   più   che   esista   il   peccato   e   vogliamo   fare   di   testa nostra.   Siamo   contenti?   L’uomo   deve   capire   che   non   può   vivere   senza   Dio.    Il   Signore   anche   nella   liturgia   delle   ore ha   dato   il   tempo   per   la   preghiera   in   orari   prescritti.   Così   la   Chiesa   ha   previsto   le   “quattro   tempora”,   quattro   distinti gruppi   di   giorni,   uno   per   ogni   stagione,   per   invocare   e   ringraziare   la   provvidenza   di   Dio   per   i   frutti   della   terra   e   il   lavoro dell'uomo.   Impariamo   ad   obbedire   senza   chiederci   il   perché.   Dio   è   un   testimone   scomodo   per   ogni   genere   umano,   ma l’uomo    non    è    interessato    a    queste    cose.    Prega    molto    figlio    mio    perché    per    l’umanità    si    prospettano    rotture inimmaginabili,    ebbe   a   dire   la   Madonna   a   Roberto   all’inizio   degli   anni   ‘90.   Le   proposte   del   mondo   non   sono   vantaggiose, sono   rotture   inimmaginabili   che   poi   diventano   insanabili.   Come   possiamo   definirci   figli   di   Dio   se   siamo   sempre   alla ricerca   del   contrario   di   ciò   che   ci   ha   rivelato?   Fate   tutto   senza   mormorazioni   e   senza   critiche,   perché   siate   irreprensibili   e semplici,   figli   di   Dio   immacolati   in   mezzo   a   una   generazione   perversa   e   degenere,   nella   quale   dovete   splendere   come astri   nel   mondo   (Fil.   2,14-16) .    Se   critichiamo   e   giudichiamo   entriamo   far   parte   nella   categoria   che   è   già   stata   descritta come perversa e degenere . Le cose che il Signore ci chiede sono di una semplicità incredibile, basta amare.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il mio idolo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Monte Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Che   bello   per   un   bambino   vedere   i   propri   genitori che   si   abbracciano   e   si   dicono:   Sei   la   persona migliore    che    potevo    conoscere    e    ringrazio    il Signore   per   questo.   Sono   contento   di   te,   mi   dai sostegno,    cura,    gioia,    hai    contribuito    a    far nascere   questi   meravigliosi   figli ”.   Anche   se   non fosse   vero,   sono   piccole   bugie   che   vanno   a   buon fine     e     contribuiscono     a     creare     una     bella atmosfera   in   famiglia   e   una   bella   educazione   per i    figli.    Invece    crescono    con    i    traumi    perché succede   il   contrario.   Come   cristiani   siamo   lontani dal   vivere   la   parola   di   Dio,   troppi   si   comportano come   se   fossero   dei   perdenti   o   dei   perseguitati. Alcuni      addirittura      vogliono      seguire      Gesù mettendo   al   primo   posto   l’amante!   Con   queste caratteristiche   non   siamo   fatti   per   un   cammino cristiano,   pensiamo   di   essere   idonei   ma   abbiamo un’infinità   di   difetti.   La   Santissima   Vergine   non ha   pretese   personali,   non   è   permalosa,   egoista, opportunista.   Se   ci   interessa   Dio   queste   cose   non devono    esistere,    dobbiamo    disfarcene    perché sono   muri   che   impediscono   di   ricevere   la   sua grazia.   È   importante   far   capire   agli   altri   come dobbiamo    pregare.    La    caratteristica    principale che   ci   deve   unire   è   l’amore,   quello   disinteressato non   pretenzioso.   Chi   è   il   nostro   idolo?   Egli   ci parla   in   un   modo   molto   autoritario   e   deciso:   il nostro idolo siamo noi . Se   fosse   Dio   non   avremmo   più   alcuna   pretesa, come   ha   fatto   Gesù   che   si   è   dato   in   pasto   ai   suoi carnefici.   L’uomo   desidera   principalmente   le   cose più   gradevoli,   ma   questo   non   deve   essere   l’unico interesse   della   vita?   Ambire   alle   cose   del   corpo   fa ammalare    l’anima,    è    una    legge    naturale,    ci inorgoglisce   e   ci   insuperbisce.   Il   Signore   ci   ha chiamato   amici,   ma   lui   non   è   il   nostro   migliore amico.   Se   lo   fosse,   cercheremmo   di   far   star   bene gli   altri   e   di   considerare   perfetta   letizia   quando subiamo   ogni   sorta   di   prova,   come   hanno   fatto   i santi.    Invece    andiamo    subito    in    crisi    e    ci lamentiamo     perché     abbiamo     l’orgoglio     e     la presunzione.    Per    essere    cristiani    credibili    non dovremmo    essere    polemici    ma    minimizzare. Vogliamo   sostenere   i   diritti   dell’uomo   o   la   parola di Dio? IL PECCATO DI PRESUNZIONE certi   errori ”.   Come   può   gestire   le   cose   di   Dio   che non   conosce?   Siamo   bravi   ad   accusare   ma   non ad   ammettere   la   nostra   incapacità   di   prendere delle     decisioni.     Cominciamo     ad     eliminare     i problemi   che   abbiamo   causato   con   l’orgoglio,   la presunzione,      l’arroganza      e      l’avarizia.      È importante   da   parte   nostra   l’abbandono   a   Dio, ma   quale   educazione   abbiamo   avuto   dalla   sua Parola?   Come   possiamo   pensare   di   proporlo   in   un rituale?   Davanti   al   Signore   non   esistono   regole, dobbiamo   essere   liberi   principalmente   di   essere l’antidoto   e   il   filtro   a   tutte   le   avversità   della nostra     vita ,     non     di     gestirle     intervenendo, provocando,    promuovendo    e    criticando.    Ogni nostro    discorso    davanti    a    Maria    Santissima sparisce,   la   sua   bellezza   è   quella   della   semplicità e   dell’amore,   davanti   a   lei   ogni   parola   che   non   è un   inno   all’amore   è   una   nota   stonata.   Prima   di dare   consigli   a   chi   non   conosciamo,   cerchiamo   di formarci   sui   libri   sapienziali,   in   umiltà   e   in   attesa. Avremo   le   risposte   che   non   pensavamo   di   avere. In   modo   migliore   di   parlare   di   Dio   è   di   non parlare   di   Dio   ma   di   amare   in   nome   suo.    Chi ha   difetti   è   colui   che   dice   di   non   averne,   così come   il   carisma   di   uno   è   forte   quando   non   sa   di averlo   (non   pecca   di   superbia).   Perché   rifiutiamo tutto   quello   che   la   Chiesa   ci   concede   e   andiamo   a cercare     le     cose     artificiali     del     mondo?     Noi continuiamo     ad     usufruire     dei     frutti     della creazione,   ma   non   ringraziamo   il   Signore   e   non rispettiamo    i    suoi    comandamenti.    Dobbiamo rendere   a   Dio   ciò   che   è   di   Dio,   non   pensare   che tutto   sia   sottomesso   al   volere   dell’uomo,   in   fondo non    abbiamo    creato    nulla.    Ci    lamentiamo    dei politici      ma      loro      corrispondono      all’esatta immagine   nostra.   Il   mondo   sta   andando   male perché   non   riteniamo   più   che   esista   il   peccato   e vogliamo   fare   di   testa   nostra.   Siamo   contenti? L’uomo    deve    capire    che    non    può    vivere senza   Dio.    Il   Signore   anche   nella   liturgia   delle ore   ha   dato   il   tempo   per   la   preghiera   in   orari prescritti.   Così   la   Chiesa   ha   previsto   le   “quattro tempora”,   quattro   distinti   gruppi   di   giorni,   uno per   ogni   stagione,   per   invocare   e   ringraziare   la provvidenza   di   Dio   per   i   frutti   della   terra   e   il lavoro   dell'uomo.   Impariamo   ad   obbedire   senza chiederci   il   perché.   Dio   è   un   testimone   scomodo per    ogni    genere    umano,    ma    l’uomo    non    è interessato   a   queste   cose.   Prega   molto   figlio   mio perché    per    l’umanità    si    prospettano    rotture inimmaginabili,      ebbe     a     dire     la     Madonna     a Roberto   all’inizio   degli   anni   ‘90.   Le   proposte   del mondo    non    sono    vantaggiose,    sono    rotture inimmaginabili     che     poi     diventano     insanabili. Come    possiamo    definirci    figli    di    Dio    se    siamo sempre   alla   ricerca   del   contrario   di   ciò   che   ci   ha rivelato?   Fate   tutto   senza   mormorazioni   e   senza critiche,   perché   siate   irreprensibili   e   semplici,   figli di   Dio   immacolati   in   mezzo   a   una   generazione perversa     e     degenere,     nella     quale     dovete splendere   come   astri   nel   mondo   (Fil.   2,14-16) .   Se   critichiamo   e   giudichiamo   entriamo   far   parte nella   categoria   che   è   già   stata   descritta   come perversa   e   degenere .   Le   cose   che   il   Signore   ci chiede   sono   di   una   semplicità   incredibile,   basta amare.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                       Il mio idolo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile
Monte Misma -  Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono